Come cambiare ammortizzatori posteriori dell'auto

di Sabrina Bretoni tramite: O2O difficoltà: media

Chiunque possegga un'auto sa che essa deve essere sottoposta a periodiche manutenzioni sia per usura componenti, sia per motivi di sicurezza, nonché per mantenere sempre alte le prestazioni. In particolare, gli ammortizzatori sono tra i componenti più importanti di un'auto, dato che, non solo permettono ai passeggeri di viaggiare con maggiore comodità, ma consentono di tenere il veicolo in carreggiata su terreni accidentati.
Vediamo ora come cambiare gli ammortizzatori posteriori dell'auto.
Premetto, che ogni auto è comunque a sé stante, quindi la guida sarà un po' generica.

Assicurati di avere a portata di mano: 2 cric 1 cavalletto professionale

1 Smontare gli ammortizzatori Per prima cosa, utilizzando un cric o un cavalletto professionale e alzate con la massima cura ed attenzione la parte posteriore destra dell'auto e rimuovete la ruota. Dotatevi, poi, di un altro cric e comprimete la molla grande vicino all'ammortizzatore. Dopodiché, svitate le viti dell'ammortizzatore, prima quella in alto e poi quella in basso. A questo punto, vi sarà possibile estrarre l'ammortizzatore. Prendete ora l'ammortizzatore nuovo che, ovviamente, avrete acquistato in un negozio specializzato e montatelo.

2 Rimontare gli ammortizzatori Per quanto riguarda le viti, potete anche tranquillamente riutilizzare le stesse che aveva il vecchio ammortizzatore, dopo aver ripulito accuratamente la filettatura. Nel caso in cui siano rovinate, sarà necessario sostituirle acquistandole, se non erano in dotazione con gli ammortizzatori, sempre in un negozio specializzato.. Pulite anche i fori delle viti e in seguito rimontare l'ammortizzatore. Comprimendo l'ammortizzatore nuovo, reinseritelo nella posizione e avvitate sia la vite in basso che quella superiore, stringendole alla perfezione. Togliete quindi il cric da sotto la molla, rimontate correttamente la ruota, togliete anche l'altro cric che sorregge l'auto e ripetete lo stesso procedimento sull'altro ammortizzatore posteriore.
Sarà consigliabile effettuare, comunque, un giro di prova sull'auto per testare il funzionamento degli ammortizzatori.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Conclusioni Cambiare gli ammortizzatori da soli può sicuramente farvi risparmiare molto denaro, che altrimenti si spenderebbe per la manodopera di un professionista e, che a volte, può risultare molto cara.  Potreste comunque farvi aiutare in questa operazione da un amico o un conoscente con una fortissima passione e, magari, anche esperienza nel settore del mondo della meccanica e di quello delle auto, in modo anche di passare uno splendido pomeriggio assieme.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Fiat Panda (clicca qui) Tuttavia quello che è veramente certo è che eseguire delle manutenzioni sulla propria auto può dare a chi ama il mondo delle quattro ruote delle grandissime soddisfazioni e positive emozioni.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come cambiare ammortizzatori posteriori dell’auto Sostituzione ammortizzatori anteriori e posteriori: quando e come fare

Come sostituire gli ammortizzatori a una BMW Serie 1 Gli ammortizzatori sono componenti molto importanti dell'auto, essi infatti, influiscono ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Fiat Punto Evo Cambiare gli ammortizzatori alla Fiat Punto Evo non è mai stato ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori alla Citroen Saxo Gli ammortizzatori sono di fondamentale importanza per far sì che un ... continua » Come riparare le sospensioni dell'auto Gli ammortizzatori delle auto hanno come funzioni sia la sicurezza, sia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.