Come cambiare gli ammortizzatori dell'auto

di A. R.S.V. tramite: O2O difficoltà: difficile

Gli ammortizzatori dell'auto non hanno semplicemente lo scopo di collegare le ruote all'auto o di rendere più comoda la marcia. Sono infatti anche il primo e più immediato dispositivo di sicurezza perché hanno un ruolo fondamentale nel grip dell'auto, la capacità di rimanere incollata alla strada senza sbandare o perdere aderenza. Assorbono il movimento e le asperità del fondo stradale "diluendo" e filtrando l'impatto della marcia sulla schiena degli occupanti e riducendo le possibilità di perdita di controllo del mezzo. Operazioni di manutenzione come cambiare gli ammortizzatori richiedono una certa preparazione ed è consigliabile rivolgersi a operatori del settore esperti.

Assicurati di avere a portata di mano: Cric Chiavi per bulloni, possibilmente elettrico o automatico

1 Tipologia Esistono vari tipi di ammortizzatori, molto variabile a seconda del mezzo di trasporto e della tecnologia utilizzata. Ce ne sono di tipo idraulico, elettromagnetico, telescopici, pneumatici, in qualunque caso, la prima cosa fare è sollevare l'auto con un cric per poi smontare la ruota ed estrarre l'ammortizzatore dalla sua sede, cercando di allentarlo per facilitarne l'estrazione. In base al tipo di ammortizzatore presente sull'auto può esserci differenza anche consistente nell'operazione di smontaggio perché l'ammortizzatore presenterà differenti livelli di componenti meccanici.

2 Pulizia Occorre prima di tutto pulire gli ammortizzatori, le sedi, ripulire i bulloni e le viti provvedendo a togliere quanta più ruggine possibile e poi applicare, appena prima del montaggio, un pochino di "grasso" e prodotti appositi per migliorare il lavoro della sospensione. Una volta fatto questo, avendo estratto il vecchio ammortizzatore e messo a posto il nuovo, bisognerà serrare bene con l'aiuto di una leva o meglio ancora utilizzando avvitatori automatici, elettrici o pneumatici.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Montaggio Una volta effettuata questa complessa operazione, avendo sostituito l'ammortizzatore, si procede al montaggio dello pneumatico nella sua sede, avendo cura, durante l'intero procedimento, di fissare con forza i vari bulloni, possibilmente aiutandosi con avvita-bulloni elettrici o pneumatici, o con leve molto potenti.  È fondamentale che ogni componente, dalle sospensioni agli pneumatici, siano fissate con forza perché i forti "traumi" sostenuti durante la marcia potrebbero comprometterne la sicurezza se dovessero venire fissati in maniera superficiale.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Clio (clicca qui) A quel punto, sarà sufficiente ripetere l'operazione per ognuna delle quattro sospensioni.

Non dimenticare mai: Rivolgersi a operatori specializzati nel settore Serrare con forza viti e bulloni Alcuni link che potrebbero esserti utili: Sostituzione ammortizzatori auto

Manutenzione: Come riparare gli ammortizzatori dell'auto Quando gli pneumatici della nostra auto non mantengono bene il contatto ... continua » Come sostituire le sospensioni alla Volvo D5 In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori della Fiat Idea In questo articolo vedremo come sostituire gli ammortizzatori della Fiat Idea ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Passat In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.