Come cambiare gli ammortizzatori della Fiat Punto Evo

di Marco Pacella tramite: O2O difficoltà: media

In questa guida vi mostreremo come cambiare gli ammortizzatori della FIAT PUNTO EVO. Coloro che sono in possesso di un veicolo della solita casa di produzione è al corrente che dopo non moltissimi chilometri alcune parti del veicolo si iniziano ad usurare e compresi sono anche gli ammortizzatori. In media vanno sostituiti ogni 80'000 km anche se questa stima è molto soggettiva; infatti dovete essere voi ad accorgervi in prima persona quando essi necessitano di essere rimpiazzati. Un buon consiglio potrebbe essere quello di cambiarli tutti e quattro assieme in modo da non modificare l'assetto dell'auto per evitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti dovuti all'instabilità dell'auto. L'approccio che verrà utilizzato in questa guida è molto pratico in modo da guidare il lettore passo passo. Vi ricordiamo di non fare l'errore di sostituire un ammortizzatore a distanza di tempo da un altro, il setting della macchina potrebbe risentirne.

Assicurati di avere a portata di mano: Chiave 17, cric, tendi molla e chiave per ruote

1 Dovete sapere una cosa importante sugli ammortizzatori delle auto e anche della vostra punto EVO, gli ammortizzatori anteriori sono molto più difficili da sostituire rispetto a quelli posteriori, vi consigliamo infatti di lavorare prima su quelli anteriori. Per iniziare mettete la vostra auto sul cric, assicurandovi che la posizione sia stabile, e smontate la ruota con l'apposita chiave. Quindi prendete un altro cric e posizionatelo sotto la molla dell'ammortizzatore e alzatelo così da comprimerla. Giunto un buon livello di compressione, svitate i bulloni (in genere due, del 15 quello superiore e del 18 quello inferiore per la Grande Punto) che collegano il pistone al telaio e al semiasse. Può darsi che i bulloni siano molto difficili da svitare, in tal caso spruzzateci sopra dell'olio penetrante e aspettate alcuni secondi prima di svitare. Ora che il pistone dell'ammortizzatore è libero, comprimetelo leggermente (non dovrebbe essere difficile se è scarico) ed estraetelo dalla sua sede.

2 Ora che avete smontato l'ammortizzatore vecchio è il momento di montare quello nuovo: prendetelo, liberatelo dal suo imballaggio (che consiste di una fascia elastica) e posizionarlo al posto di quello vecchio avvitando a mano i bulloni finché non sbucano dall'altro lato; quindi posizionare i dadi e concludere l'avvitatura con la chiave dinamometrca facendo attenzione a stringere molto di più il bullone che collega l'ammortizzatore al semiasse. IMPORTANTE: potete utilizzare anche gli stessi bulloni ripulendo il filetto, o addirittura sostituitele. Una cosa molto importante è pulire, o almeno soffiare, le sedi delle viti.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Fatto ciò rimuovete il cric da sotto la molla (stando molto attenti a far si che non si allenti di colpo, altrimenti potrebbe danneggiare il lavoro appena fatto) posizionato precedentemente e rimontare la ruota assicurandola bene.  Infine abbassate lentamente il cric che tiene l'auto alzata.  Approfondimento Come sostituire gli ammortizzatori della Fiat Grande Punto (clicca qui) Ecco qui montato il nuovo ammortizzatore.  Questa guida ha valore per ogni ruota della vostra auto sia posteriore che anteriore destra o sinistra.

Come sostituire gli ammortizzatori a una BMW Serie 1 Gli ammortizzatori sono componenti molto importanti dell'auto, essi infatti, influiscono ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori della Fiat Idea In questo articolo vedremo come sostituire gli ammortizzatori della Fiat Idea ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Passat Gli ammortizzatori sono componenti fondamentali delle automobili e con il passare ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Clio Gli ammortizzatori in un auto sono molto importanti e quando risultano ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.