Come cambiare gli ammortizzatori della Golf 4

di Girolama Adelfio tramite: O2O difficoltà: difficile

Gli ammortizzatori fanno parte del sistema di sospensione e, consentono di mantenere il controllo dell'automobile, allo scopo di garantire una guida armoniosa ma anche confortevole. Tali dispositivi possono essere cambiati anche senza l'aiuto di un meccanico e sono facilmente individuabili, infatti, sono piccoli elementi in gomma posti direttamente nel telaio. L'operazione richiede un po' di manualità e praticità, per cui, seguite attentamente i passi a seguire per sapere come cambiare gli ammortizzatori della Golf 4.

1 Come svitare i dadi presenti nei pneumatici Per cominciare sarà opportuno parcheggiare la nostra Golf 4 in un luogo idoneo, inserendo il freno a mano e spegnendo il motore poi, scendiamo dal mezzo e fissiamo gli appositi blocchi sulle ruote posteriori. Muniamoci di una chiave inglese e, cerchiamo di svitare i dadi presenti su ogni pneumatico. Successivamente, solleviamo l'automobile magari con un cric, in modo da separare e staccare le ruote. A questo punto, dopo aver rimosso le gomme, passiamo alle prossime fasi.

2 Come effettuare l'estrazione degli ammortizzatori da sostituire Cerchiamo d'individuare il freno a tamburo che connette il telaio all'ammortizzatore e, svitiamo il dado, cercando di spingere la parte bassa dell'ammortizzatore lontano dal perno. Questo servirà per farlo espandere in tutta la sua lunghezza. In seguito, rimuoviamo tutti i bulloni presenti sulla parte superiore del dispositivo. Così facendo avremo la possibilità di raggiungere la sede principale direttamente tramite la ruota. Per poter effettuare l'estrazione e poi la sostituzione degli ammortizzatori, rimuoviamo le piastre metalliche e le boccole d'urto. Apriamo le boccole nuove degli ammortizzatori. Ricordiamo che nella Golf sono presenti due pezzi di ricambio, muniti entrambi di due piastre circolari. Sarà fondamentale inserirle sia in alto che in basso, facendole aderire e corrispondere alla forma e alle dimensioni di quelle originali di partenza.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Come sistemare la boccola d'urto inferiore Adesso sistemiamo queste ultime sull'estremità del bullone superiore dell'ammortizzatore.  La boccola d'urto inferiore andrà inserita e posta verso il basso.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori in una Suzuki Swift (clicca qui) La boccola di gomma del lato superiore dovrà essere avvitata per bene con un bullone, spingendola verso il basso, facendola allineare con il resto dell'auto.  Infine, rimontiamo tutti i dadi che abbiamo tolto nelle fasi precedenti e stringiamoli bene con l'utilizzo della chiave inglese, unendo tutte le parti in maniera corretta al telaio.  Rimettiamo nel loro alloggio i pneumatici e poi, passiamo ad abbassare la vettura.  Per essere sicuri che il lavoro sia stato eseguito correttamente, facciamo un giro di prova.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: come smontare ammortizzatori anteriori Golf 4 cambio ammortizzatori su Golf come sostituire ammortizzatori anteriori Golf 4

Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Twingo Nella guida che state per apprestarvi a leggere la tematica centrale ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Fiat Punto Evo Cambiare gli ammortizzatori alla Fiat Punto Evo non è mai stato ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Smart Quando si possiede un'automobile bisogna essere consapevoli del fatto che ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori anteriori dell'auto Gli ammortizzatori sono molto importanti per la funzionalità della propria auto ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.