Come cambiare gli ammortizzatori della Golf 4

di Antonello Motta tramite: O2O difficoltà: difficile

In questa guida verranno date delle indicazioni pratiche su come cambiare correttamente gli ammortizzatori della vostra Golf 4. Essi fanno parte del sistema di sospensione e consentono di mantenere il controllo dell'automobile, allo scopo di garantire una guida armoniosa ma anche confortevole. Tali dispositivi possono essere cambiati anche senza l'aiuto di un meccanico e sono facilmente individuabili, infatti, sono piccoli elementi in gomma posti direttamente nel telaio. L'operazione richiede un po' di manualità e praticità, per cui, segnatevi tutti i passaggi per poter eseguire questo lavoro in maniera ottimale.

1 Inizialmente dovete pensare alla sistemazione ideale della vostra Golf. Parcheggiatela in un luogo idoneo, inserendo il freno a mano e spegnendo il motore. Scendete dal mezzo e fissate gli appositi blocchi sulle ruote posteriori. Tramite l'impiego di una chiave inglese, cercate di svitare i dadi presenti su ogni pneumatico. Successivamente, sollevate l'automobile tramite un cric, in modo da separare e staccare le ruote. A questo punto, dopo aver rimosso le gomme, dovrete stare attenti alle prossime fasi.

2 Come prima cosa, troverete il freno a tamburo che connette il telaio all'ammortizzatore. Svitate il dado, cercando di spingere la parte bassa dell'ammortizzatore lontano dal perno. Questo servirà per farlo espandere in tutta la sua lunghezza. In seguito, rimuovete tutti i bulloni presenti sulla parte superiore del dispositivo. In questo modo avrete la possibilità di raggiungere la sede principale direttamente tramite la ruota. Per poter effettuare l'estrazione e poi la sostituzione, rimuovete le piastre metalliche e le boccole d'urto. Aprite le boccole nuove degli ammortizzatori. Nella Golf sono presenti due pezzi di ricambio munite entrambe di due piastre circolari. Sarà molto importante inserirle sia in alto che in basso, facendole aderire e corrispondere alla forma e alle dimensioni di quelle originali di partenza.

Continua la lettura

3 Le piastre risultano sagomate, favorendo la formazione del bordo rialzato, con la forma analoga ad un piatto.  Sistemate queste ultime sull'estremità del bullone superiore dell'ammortizzatore, in modo tale che il bordo sia rivolto verso la parte superiore in alto.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Twingo (clicca qui) La boccola d'urto inferiore andrà inserita e posta verso il basso.  La boccola di gomma del lato superiore dovrà essere avvitata per bene con un bullone, avendo cura di spingerla verso il basso, facendola allineare con il resto dell'auto.  Infine, rimontate tutti i dadi che avete tolto nelle fasi precedenti e stringeteli bene con l'utilizzo della chiave inglese, unendo tutte le parti in maniera corretta al telaio.  Rimettete in posizione i pneumatici e abbassate la vettura per poi eseguire un giro di prova per verificare se è tutto a posto.

Come cambiare ammortizzatori posteriori dell'auto Chiunque possegga un'auto sa che essa deve essere sottoposta a ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Clio Ecco una guida su come fare per cambiare gli ammortizzatori della ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori a una BMW Serie 1 Gli ammortizzatori sono componenti molto importanti dell'auto, essi infatti, influiscono ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Megane Cambiare gli ammortizzatori di una Megane non è una procedura semplice ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.