Come cambiare gli ammortizzatori della Polo

di Salvatore Rinella tramite: O2O difficoltà: media

Cambiare gli ammortizzatori ad una vettura (nel nostro caso una Polo) non è una operazione complicata ma per fare ciò bisogna disporre delle giuste attrezzature ed avere un po' di conoscenza di meccanica altrimenti è consigliabile recarsi in una officina. Gli ammortizzatori sono dei componenti molto importanti in una vettura e possono provocare anche danni alle persone. Per effettuare questa operazione ci serviremo di cacciaviti, chiavi, premi molla e ammortizzatori nuovi: vediamo come procedere.

Assicurati di avere a portata di mano: Ammortizzatori ponte idraulico sostegni piramidali cacciavite cric chiave a pappagallo

1 Mettere l'auto in sicurezza Per prima cosa dobbiamo posizionare l'auto su un ponte idraulico: se non disponiamo della seguente attrezzatura lo possiamo sostituire con 2 sostegni piramidali. Successivamente mettiamo l'auto in sicurezza, entriamo nell'abitacolo, innestiamo la prima e tiriamo il freno a mano. Apriamo la portiera posteriore della vettura e, con l'aiuto di un cacciavite, smontiamo il pannello di plastica, nella parte destra del bagagliaio. Una volta fatta questa operazione, andiamo a togliere una specie di coperchio nel quale è contenuto il perno dell'ammortizzatore, andiamo vicino alla ruota e allentiamo leggermente i dadi dello pneumatico.

2 Fissare gli ammortizzatori nella morsa Dopo aver fissato gli ammortizzatori in una morsa possiamo applicare i premi-molla: la compressione delle molle è una cosa molto pericolosa. Dopo avere svolto questa operazione, passiamo a svitare il dado sovrastante all'ammortizzatore, estraiamo il gommino e il tampone para-polvere e togliamo la molla. Montiamo sulla morsa il nuovo ammortizzatore e aggiungiamo i singoli elementi; alla base posizioniamo un anello di metallo, aggiungiamo un cappelletto e la molla, successivamente il tampone para-polvere, una rondella, il gommino e infine chiudiamo l'ammortizzatore con un dado. Ora non ci rimane altro che sostituirli.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Sostituire gli ammortizzatori A questo punto solleviamo la macchina con un cric e mettiamo i sostegni piramidali in modo da lavorare nella massima sicurezza.  In seguito smontiamo la ruota e con l'ausilio del cric tiriamo leggermente su il braccetto.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Twingo (clicca qui) L'ammortizzatore si allenterà notevolmente e noi potremo smontarlo con una chiave a pappagallo.  Una volta svitato il dado superficiale, leviamo la prima rondella e poi anche la seconda; con una chiave misura 17 andiamo a svitare i dadi dell'ammortizzatore, nella sua parte inferiore: se i dadi sono arrugginiti spruzziamo un po' di "svitol".  Una volta svitati i due dadi, sfiliamo il perno che mantiene l'ammortizzatore con il braccetto, tiriamolo fuori e lo sostituiamo con quello nuovo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Sostituzione ammortizzatori anteriori e posteriori: quando e come fare Sostituzione ammortizzatori auto

Come cambiare gli ammortizzatori in una Suzuki Swift Avere ammortizzatori usurati sul proprio veicolo può aumentare lo spazio di ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Ford Fiesta Avere un'automobile efficiente e sicura è il primario interesse di ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Peugeot 207 Cambiare gli ammortizzatori della Peugeot 207 non è cosa semplice ma ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori della Peugeot 206 Guidare è un'emozione davvero grande per chi ama muoversi in ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.