Come cambiare il Collettore Di Scarico della moto

di Alice Marcantonio tramite: O2O difficoltà: media

Il collettore di scarico è la parte “iniziale” della marmitta: ha l'importante compito di collegare lo scappamento al motore della nostra moto. In pratica quella sezione della marmitta che, una volta fissata ai cilindri del motore a scoppio, convoglia i gas di scarico all'interno dei tubo di scappamento. A seconda del numero di cilindri presenti nel nostro motore, avremo perciò differenti tipi di collettori; degli esempi sono quelli da quattro tubi a due e a uno, oppure da quattro tubi a uno. L’utilizzo prolungato della motocicletta, magari insieme al consumo di un carburante eccessivamente “grasso”, può col tempo incrostare tutti gli elementi dello scappamento. Andiamo quindi a vedere come cambiare il collettore.

1 Sfilare la marmitta Per sostituire un collettore di scambio usurato, per prima cosa dobbiamo togliere la marmitta. Ricordiamo di farlo a motore spento e freddo o può essere pericoloso: mettiamo la nostra motocicletta sul cavalletto e iniziamo. Svitiamo i bulloni che fissano la marmitta alla scocca, poi togliamo la fascetta che fissa il collettore alla marmitta, dopodiché bisogna "sfilare" la marmitta dal collettore. Se la sporcizia, il tempo e le incrostazioni rendono più difficile questa operazione allora munitevi di olio e panno così da facilitarvi lo svitamento e lo sfilamento della marmitta. Vi sporcherete un po ma i lavori meccanici non sono dei lavori puliti.

2 Estrarre il collettore Dopo avere estratto la marmitta, possiamo occuparci del collettore. Noteremo che è fissato al cilindro del motore con dei bulloni, che generalmente sono due per ogni cilindro più altri due laterali, di fissaggio. Svitiamoli tutti ed estraiamo il collettore. Spesso durante questa operazione è possibile notare la presenza di alcune guarnizioni. Queste sono inserite nel processo di fabbricazione per attutire i rumori della marmitta. Di fatto spesso questi pezzi vengono rimossi se si intende avere una moto il cui rumore non passa inosservato. Nel caso siano consumate anche queste guarnizioni allora provvedete alla loro rimozione e sostituzione acquistandole in centri specializzati.

Continua la lettura

3 Ricambio ultimato Il nuovo collettore può essere acquistato nei negozi di ricambi o dal concessionario.  Naturalmente deve essere compatibile con il motore della nostra moto e, soprattutto, deve essere omologato.  Approfondimento Come cambiare la guarnizione del tubo di scarico dell'auto (clicca qui) Attenzione: prima di montare il nuovo collettore, bisogna posizionare di nuovo le guarnizioni.  Servirà serrare i dadi con forza, se necessario utilizzando anche dei cosiddetti "frena-filetti" per fissare al meglio il pezzo ai cilindri.  Ecco completata l'operazione di sostituzione.

Non dimenticare mai: Consultare un meccanico in caso di difficoltà o problemi

Come cambiare la marmitta della moto Cambiare la marmitta di una moto è legale, se si sostituisce ... continua » Come verniciare la marmitta dello scooter Se possiedi da diversi anni uno scooter, si potrebbe rendere necessario ... continua » Come cambiare la marmitta dell'auto Il metodo del fai da te, ci permette di realizzare veramente ... continua » Come smontare la marmitta a uno scarabeo 50 due tempi Può succedere che il nostro motorino ci dia dei problemi e ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come omologare una marmitta auto

Una buona manutenzione è fondamentale per avere un'auto sempre in perfette condizioni e con delle performance di alto livello. Un componente importantissimo all'interno ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.