Come cambiare il liquido di raffreddamento della moto

di Marco Capitano tramite: O2O difficoltà: media

Se avete una moto può capitare prima o poi la necessità di sostituirne il liquido di raffreddamento. Si tratta di un'operazione di manutenzione che potete benissimo effettuare da soli e senza dover portare la moto dal meccanico. In questa guida, passo dopo passo, vi saranno date tutte le indicazioni utili su come cambiare nel migliore dei modi il liquido di raffreddamento della moto. Tenete presente che il liquido di raffreddamento per la moto lo potrete comodamente reperire presso i negozi che vendono accessori sia per l'auto che per la moto.

Assicurati di avere a portata di mano: liquido raffreddamento cacciaviti chiave fissa imbuto

1 Come prima cosa trovatevi un posto adeguato per poter operare sulla moto ed effettuate l'operazione di sostituzione del liquido di raffreddamento. Rimuovete la carena di destra più il paramotore, aiutandovi con un cacciavite adeguato. Successivamente aprite il tappo del radiatore, avendo cura di farlo quando il motore della moto è freddo, altrimenti il liquido, essendo caldo, potrebbe venirvi addosso procurandovi ustioni sul volto o altri parti del corpo. A questo punto aprite la vite di scarico del liquido, operazione che potete effettuare anche manualmente e senza aiutarvi con il cacciavite.

2 Per poterla individuare guardate la pompa: noterete che è quella sulla parte sinistra del motore, al di sotto del coperchio dell'alternatore. Esaminate quindi il vaso di espansione ed accertatevi che sia interamente vuoto. Ora provvedete a chiudere la vite di scarico. Attraverso il nuovo liquido di raffreddamento riempite il radiatore situato a destra. Mentre versate il liquido, aiutatevi assolutamente con un imbuto per far sì che tutto vada bene e che il liquido in questione non vada fuori. Il liquido di raffreddamento deve raggiungere il giusto livello, che è indicato con un'apposita tacca.

Continua la lettura

3 Dopo che il radiatore si sarà interamente riempito del liquido di raffreddamento, non dovrete fare altro che riposizionare il tappo del radiatore, esattamente come era prima.  Successivamente rimettete al loro posto anche la carena ed il paramotore, facendo la procedura inversa.  Approfondimento Manutenzione: Come riparare il Liquido Di Raffreddamento della moto (clicca qui) Concluso il tutto, è sempre opportuno che voi effettuiate un giro di prova con la moto per verificare che tutto funzioni correttamente, anche percorrendo pochi chilometri.  Se avete effettuato la sostituzione esattamente come riportato in questa guida, la spia del liquido di raffreddamento non vi si accenderà più e quindi non correrete alcun rischio di surriscaldamento della moto.  Buon lavoro!. 

Non dimenticare mai: Concluso il tutto, è sempre opportuno che voi effettuiate un giro di prova con la moto per verificare che tutto funzioni correttamente, anche percorrendo pochi chilometri. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Sostituzione liquido di raffreddamento su Honda Hornet Come sostituire il liquido di raffreddamento Sostituzione del liquido di raffreddamento di uno scooter o motorino Sostituzione liquido raffreddamento

Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf Quando si parla di "spurgo" del radiatore, si parla di come ... continua » Moto: sostituire il liquido refrigerante La guida che andremo a sviluppare lungo i prossimi tre passi ... continua » Come cambiare la Pompa Acqua della moto Sostituire la pompa acqua della moto è un'operazione relativamente semplice ... continua » Come cambiare il radiatore della moto All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di moto ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.