Come cambiare il radiatore alla Toyota Yaris

di Simone Braconcini tramite: O2O difficoltà: media

Toyota Yaris, un nome che è una garanzia: utilitaria dalle buone prestazioni e dai consumi abbastanza ridotti. Ideale per gli spostamenti in città. Una macchina per tutta la famiglia, semplice, moderna e facile da guidare. Ed è anche un gioco da ragazzi cambiare i suoi accessori. A volte può capitare, ad esempio, che il suo radiatore necessiti di una sostituzione. Questo può accadere per via dell'usura o per un danno intervenuto durante un lungo viaggio sotto al sole. In questa guida vi spiegheremo come cambiare il radiatore della Toyota Yaris e ripartire subito in tutta sicurezza.

Assicurati di avere a portata di mano: Guanti, nuovo radiatore, bacinella, cacciavite

1 Mettetevi in un luogo fresco e appartato e iniziate l'operazione di smontaggio del radiatore nel modo che segue. Assicuratevi che il motore della vostra Toyota Yaris sia freddo. Svitate il tappo che c'è all' estremità superiore del radiatore e date un'occhiata a dove sono sistemati i due tubicini che conducono il liquido refrigerante in uscita e in entrata dal motore. Svitate la fascia che c'è all'estremità dei due tubi e scollegateli dal radiatore. Staccate anche i connettori delle ventole e il sensore che indica la temperatura.

2 Il radiatore che intendete sostituire avrà del liquido al proprio interno. Dovete innanzitutto far uscire il liquido dal radiatore. Sistemate una bacinella piuttosto ampia sotto al motore, in corrispondenza del radiatore e iniziate l'operazione di fuoriuscita del liquido. Questa azione durerà alcuni minuti. Assicuratevi che tutto il liquido sia uscito e iniziate successivamente le operazioni di smontatura del vecchio radiatore guasto. Come fare? Presto detto. Agite sul telaio e togliete tutte le viti che lo tengono fissato al radiatore. Pian piano che toglierete le viti, vi accorgerete che il radiatore inizierà a muoversi in modo sempre più evidente. Non vi rimarrà altro da fare che sollevarlo e sganciarlo dalla sua originaria posizione. Ora sarà possibile terminare il vostro lavoro con l'ultimo passaggio.

Continua la lettura

3 Ultimo passaggio che sarà rappresentato dall'inserimento del nuovo radiatore.  Inseritelo al posto del vecchio radiatore appena prelevato, ricordandovi di reisenrire sia il sensore della temperatura sia le ventole.  Approfondimento Come sostituire il radiatore della Ford Fiesta (clicca qui) A questo punto rimontate i due tubi e l'importantissima fascia metallica che funge da indispensabile protezione.  Ora dovrete versare il nuovo liquido nel radiatore appena montato.  Aprite quindi l'apposita fessura posta in alto al radiatore e iniziate a versare il suddetto liquido, unendolo con acqua distillata e fluido antigelo.  Dovrete riempire il radiatore fino a raggiungere la scritta "quantità massima".  Ora, senza riavvitare il tappino, accendete la vostra Toyota Yaris e controllate se il liquido appena inserito sale, senza fuoriuscire però dalla sua sede.  A questo punto, se tutto va per il meglio, potreste anche fare un giro di prova, stando sempre ben attenti a tenere d'occhio la spia sul cruscotto dell'impianto di raffreddamento.  Se essa non si dovesse accendere, sarà il segnale inequivocabile che il vostro intervento è riuscito perfettamente.   . 

Non dimenticare mai: Effettuate l'operazione di sostituzione del radiatore a motore spento e freddo

Come sostituire il radiatore alla Skoda Cibigo La Skoda Citigo è un modello di autovettura commercializzato dalla casa ... continua » Come cambiare il radiatore della moto All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di moto ... continua » Come sostituire il radiatore della Volkswagen Passat La Volkswagen Passat è, assieme alla Golf, una delle vetture della ... continua » Come cambiare il radiatore di una Ford Focus Il radiatore nell'auto è indispensabile per abbassare la temperatura del ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.