Come cambiare il radiatore di una Ford Focus

di Valentina Pichierri tramite: O2O difficoltà: difficile

Il radiatore nell'auto è indispensabile per abbassare la temperatura del motore e quindi per eliminare il calore prodotto dal processo di combustione. Affinché esso svolga al meglio il proprio lavoro, occorre evitare che al suo interno si formino depositi di calcio, calce e ruggine, cosa che accade di frequente nelle auto molto vecchie. Questi accumuli fanno si che il surriscaldamento del motore influisca sulla durata del radiatore e il conseguente mancato funzionamento potrebbe provocare gravi danni. Se abbiamo la fortuna di accorgerci in tempo che qualcosa non va, procediamo immediatamente con la sua sostituzione in modo da evitare costose riparazioni in seguito. Vediamo insieme come cambiare il radiatore su una Ford Focus senza ricorrere all'aiuto di un esperto del settore.

1 Per la sostituzione del radiatore su un Motore modello 2.0 L SOHC dobbiamo innanzitutto assicurarci che il sistema di raffreddamento non sia caldo al tatto e procedere con lo svuotamento dell'impianto. Rimuoviamo il motore della ventola di raffreddamento, il deflettore del radiatore ed il tubo superiore del radiatore: sosteniamo con le mani il radiatore dell'olio ed il condensatore (se in dotazione) in modo che essi non cadano una volta rimosso il radiatore.

2 Successivamente lavoriamo accedendo alla parte del motore posizionandoci sotto il veicolo e stacchiamo il tubo inferiore del radiatore. Se il connettore elettrico del clacson ci disturba, scolleghiamolo e spostiamolo. A questo punto rimuoviamo la staffa di supporto del radiatore e estraiamolo dal veicolo. Per installare il nuovo componente, seguiamo la stessa procedura, ma in ordine inverso. Una volta che il liquido di raffreddamento si è ricaricato, consultiamo il manuale della vettura in modo da configurare correttamente il sistema.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Se disponiamo di una ford con motore modello 2.0L DOHC svuotiamo prima l'impianto di raffreddamento e scolleghiamo la clip di fissaggio del cablaggio dalla ventola di raffreddamento.  Individuiamo a questo punto le linee collegate al condensatore dell'aria condizionata e stacchiamole aiutandoci con una chiave per evitare di danneggiare i dadi di fissaggio.  Approfondimento Come cambiare il radiatore della Fiat Panda (clicca qui) È quindi possibile ora rimuovere il tubo superiore del radiatore ed il resto dei tubi del refrigerante.  Osservando il motore da sotto, vedremo una clip di fissaggio del cablaggio sulla staffa del supporto del radiatore: rimuoviamola e scolleghiamo il connettore elettrico del clacson.  Usiamo dunque un pezzo di cavo per fissare il radiatore e la ventola di raffreddamento del componente.  Una volta rimossa la staffa di supporto, spostiamo il radiatore ed il motore della ventola di raffreddamento e posateli su un banco di lavoro.  Poniamo la massima attenzione durante questa fase.  Individuiamo i fermi che fissano il gruppo motore della ventola al radiatore e rimuoviamoli, poi facciamo scorrere il motore della ventola del radiatore.  Per installare il nuovo radiatore, seguiamo la stessa procedura, ma in ordine inverso.

Come cambiare un radiatore Il radiatore dell'automobile, rappresenta la parte raffreddante dell'automobile, costituita ... continua » Come sostituire il radiatore di riscaldamento della Punto Il radiatore di riscaldamento della punto è situato nella parte anteriore ... continua » Come sostituire il radiatore di riscaldamento della Punto Il radiatore di riscaldamento della punto, si trova nella parte anteriore ... continua » Come cambiare il radiatore Le automobili rappresentano il mezzo di trasporto maggiormente utilizzato. In virtù ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.