Come cambiare il Tachimetro

di Simone Usai tramite: O2O difficoltà: media

All'interno della presente guida, andremo a spiegarvi passo dopo passo Come cambiare il tachimetro. Vediamo insieme come fare.
Il tachimetro è uno strumento di misurazione della velocità di un mezzo, solitamente terrestre, quindi dedicato a mezzi navali o aerei. Il brevetto risale al 1888, tramite il croato Josip Belušić, che inizialmente lo chiamò "velocimeter".
Il dispositivo è ormai installato nella maggior parte dei veicoli a motore, ma all'inizio fu posto a disposizione nel 1900. I tachimetri per i veicoli specifici hanno nomi specifici e utilizzano altri mezzi di rilevamento della velocità, ad esempio per una barca, si tratta di un tubo di Pitot, per un aereo, si tratta di un indicatore di Airspeed (che sostanzialmente rileva il dato da un tubo di Pitot oppure da sensori con funzionamento analogo). Il tachimetro è obbligatorio per i mezzi la cui velocità di progetto superi i 25 km/h. Dopo il 1993, in Italia è obbligatorio in ogni veicolo a motore un indicatore di velocità superiore rispetto a quella realmente espressa dal moto del veicolo, e ciò è stato usato per esagerare con tachimetri irregolari. Ora andiamo a entrare nel vivo della guida.

1 L'inizio della procedura Prima di tutto incominciate a scollegare il cavo negativo della batteria utilizzando una chiave specifica, utilissimo per scaricare delle scosse elettriche. Una volta che avrete svolto questo passaggio, scollegate il quadro strumenti dal cruscotto: a tal fine bisogna prima rimuovere le viti dal quadro con un cacciavite e poi tirare il cruscotto verso il volante, fino a quando il cavo del tachimetro è accessibile per la sostituzione.

2 Rimuovere il cavo del tachimetro. Ora proseguite rimuovendo il cavo del tachimetro agendo da dietro con una chiave, ruotando prima il dado integrato in senso antiorario fino ad allentarlo. Rimuovete eventuali luci e altri dispositivi elettronici dal retro del tachimetro. Tutti i tachimetri usano una luce al fine di utilizzare il quadro, tranne quelli molto vecchi.

Continua la lettura

3 La conclusione della procedura. Rimuovete le piccole viti di fissaggio dal retro del tachimetro.  La maggior parte delle viti di fissaggio sono molto piccole e, pertanto, bisogna utilizzare un cacciavite opportuno a croce.  Approfondimento Come cambiare il contachilometri della moto (clicca qui) Una volta che il tachimetro è stato rimosso, posizionate il tachimetro nuovo contro la parte posteriore del cruscotto e installate nuovamente le viti di fissaggio.  Una volta che sarete arrivati a questo punto, dovrete proseguire collegando il cavo del tachimetro stesso, con le sue componenti nella parte posteriore, luci comprese.  Posizionate il quadro strumenti all'interno del cruscotto e installate le viti di fissaggio.  Infine, collegate il cavo negativo per completare il lavoro.
In ultima analisi, vi consiglio di proseguire con gli approfondimenti dedicati a questo specifico argomento, in modo tale che possiate avere le idee chiare su questo tema.  Proprio a tal proposito, vi consiglio la lettura di questo specifico link: https://it.wikipedia.org/wiki/Tachimetro.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Tachimetro

Come riparare il contachilometri Il contachilometri della propria automobile può smettere di funzionare in modo ... continua » Come Resettare La Spia Service Dell'Opel Corsa D Coloro che possiedono un auto di vecchia generazione sicuramente si chiederanno ... continua » Manutenzione: Come riparare il Tachimetro Il tachimetro è collegato al rinvio collocato all'uscita del cambio ... continua » Come cambiare il volano della Opel Antara Il volano di una macchina opera principalmente per fornire l'inerzia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.