Come cambiare il Ventola Di Raffreddamento dell'auto

di Giorgio Caccavale tramite: O2O difficoltà: media

Un impianto di raffreddamento è un particolare sistema di apparecchiature e/o dispositivi il cui compito è quello di abbassare la temperatura dell'ambiente circostante o di mantenere tale temperatura a valori relativamente bassi.
Tale diminuzione di temperatura può essere ad esempio mirata al funzionamento di una macchina o altro oggetto (quale può essere un motore a combustione interna o un'apparecchiatura elettronica).
L'impianto di raffreddamento può avere varie caratteristiche e nomenclature a seconda della sua destinazione e della sua tipologia costruttiva. Questo tipo di raffreddamento è il più efficiente finora utilizzato. Si distingue in ciclo aperto e ciclo chiuso. Quest'ultimo generalmente è costituito da un radiatore, che viene alimentato da un circuito dell'acqua quando la valvola termostatica si apre e tale liquido viene generalmente messo in moto da una pompa (sistema forzato). Altrimenti utilizza il sistema a sifone, cioè non viene usato nessun dispositivo per il pompaggio. Però tale sistema ha una costanza di funzionamento leggermente minore agli altri sistemi, soprattutto a veicolo fermo. Nei passi a seguire sarà illustrato come cambiare la ventola di raffreddamento dell'auto.

1 Innanzitutto svuotate completamente il circuito di raffreddamento dell'auto, lasciando uscire il liquido presente nel radiatore dal tubo di scarico. Scollegate tutti i contatti elettrici prima di toccare qualsiasi cosa e verificate se è possibile estrarre la ventola senza toccare il radiatore, oppure se è fissata ad incastro. Il giunto e la ventola dovrebbero poter essere estratti in blocco, altrimenti dovete allentare i bulloni o le viti che li collegano e con delicatezza separarli.

2 Raccomando di riporre tutte le viti ed i bulloni in un contenitore e numerarli, annotando accuratamente la loro posizione e sequenza di prelievo, in modo tale da poterli poi facilmente avvitare nella maniera corretta. Procedete quindi svitando il bullone centrale di ancoraggio con la chiave a tubo da 14: ora dovreste poter prelevare la ventola senza difficoltà. Qualora non dovesse fuoriuscire comodamente, cosa alquanto probabile dato che col tempo tende ad incastrarsi al perno centrale, utilizzate del liquido sbloccante; se non fosse sufficiente, potete ricorrere al “metodo martello”: infilate la chiave a tubo nel foro dov'era posizionato il dado, dando piccoli colpetti col martello per allentarlo, ma facendo attenzione a non danneggiare radiatore e cinghia.

Continua la lettura

3 Dovrebbero bastare due o tre colpi sulla lamiera posizionata dietro la plastica per far fuoriuscire la ventola.  In caso non bastassero, insistete applicando ulteriori leggeri colpi nelle quattro direzioni.  Approfondimento Manutenzione: come riparare la ventola di raffreddamento dell'auto (clicca qui) Qualora la ventola fosse applicata ad incastro, dovrete smontare ed estrarre il radiatore dal vano motore.  A questo punto potete procedere a rimontare la nuova ventola seguendo i passi precedenti, ovviamente al contrario.  Una volta sistemato tutto ricordatevi di riempire l'impianto di raffreddamento col liquido antigelo e di ripristinare i collegamenti elettrici.

Come cambiare il radiatore della Fiat Idea Quando abbiamo un'auto la manutenzione ordinaria e straordinaria è spesso ... continua » Come cambiare il radiatore Le automobili rappresentano il mezzo di trasporto maggiormente utilizzato. In virtù ... continua » Come sostituire il liquido radiatore dell'auto Con la stagione invernale può capitare di incorrere in gravi problemi ... continua » Come controllare e sostituire il termostato del circuito di raffreddamento dell'auto Il termostato serve per il veloce riscaldamento del motore dell'auto ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.