Come cambiare lo spingidisco della frizione dell'auto

di Chiara Ravenna tramite: O2O difficoltà: media

Se la vostra macchina, suv oppure camion ha già percorso un numero di chilometri considerevoli, potrebbe occorre fare un'operazione di vari interventi di manutenzione legati all'apparato che governa la frizione. In questo tutorial, vi andremo a spiegare quindi come cambiare lo spingidisco della frizione dell'auto, in modo rapido e facile allo stesso tempo. Buona lettura e buon lavoro!

Assicurati di avere a portata di mano: mascherina di protezione, cric, chiave svita bulloni

1 Premessa di pulizia dei freni e sostituzione Dobbiamo farvi una doverosa premessa, siccome i dischi della frizione potrebbero avere delle tracce di amianto, dovrete non usare l'aria compressa per pulirne le superfici, preferite invece dei prodotti spray. Potranno andare bene quelli usati comunemente per la pulizia dei freni. È anche essenziale che, indossiate una mascherina filtrante durante le operazioni, per proteggere voi stessi, e le vostre vie respiratorie. Per intraprendere la sostituzione, il veicolo andrà prima di tutto sollevato da terra: la cosa migliore sarebbe utilizzare un ascensore per auto, come quello che si trova nelle officine meccaniche. Alternativamente, potrete usare comunque il cric classico. Una volta che sarete certi che la macchina sia ben salda, nella sua posizione nuova rialzata, dovrete mettere il freno a mano in modo da bloccare le ruote posteriori.
Una volta che avrete tolto la trasmissione, dovrete fotografare la modalità di montaggio del volano e dello spingidisco mentalmente, siccome li dovrete rimontare in modo esatto in base allo stesso abbinamento dopo la sua sostituzione. Procedete perciò allentando i bulloni dello spingidisco progressivamente, usando la chiave idonea, e facendo molta attenzione a non deformarne il suo coperchio. Ora potrete quindi estrarre il disco frizione, insieme allo spingidisco.

2 Procedura cambio spargidisco Accertatevi che il volano non abbia ora delle crepe e nemmeno delle deformazioni, oppure anche altri segni di usura, in quel caso dovrete provvedere alla sua sostituzione o riparazione.
Prima di reinstallare la frizione, vi dovrete inoltre accertare che la superficie del volano sia pulita in modo perfetto.
Se avete tolto anche il cuscinetto pilota, dovrete anche lubrificare in modo adeguato prima di rimontarlo sopra all'albero motore. Una volta che avrete inserito il disco della frizione sullo strumento apposito di allineamento, dovrete inserire il nuovo spingidisco, poi dovrete andare a riavvitare i bulloni. A questo punto li dovrete chiudere, così come avevate fatto svitandoli, poi procedete progressivamente e con cautela, in modo da evitare di provocare delle deformazioni. Adesso potrete reinstallare anche la trasmissione, e abbassare il vostro veicolo.

Continua la lettura

3 Ultima accortezza Vi spieghiamo un'ultima accortezza da usare, sempre molto doverosa.  Quella che vi abbiamo spiegato nel passo precedente è una procedura generale, siccome le macchine non sono mai tutte uguali tra di loro vi consigliamo, di leggere sempre anche il manuale d'istruzioni della vostra automobile, prima di intraprendere qualsiasi operazione.

Non dimenticare mai: Pestate la massima attenzione alla vostra incolumità, per tutto il tempo che operate sotto il veicolo

Come smontare la frizione dell'auto Tra i tanti problemi e inconvenienti che può riscontrare la propria ... continua » Come cambiare la frizione della Fiat Stilo I problemi ed i guasti che possono interessare quotidianamente la propria ... continua » Manutenzione: come riparare la leva della frizione dell'auto La frizione è l'organo che permette di "staccare" il motore ... continua » Come cambiare le molle della frizione dell'auto La frizione è un meccanismo che, avvalendosi dell'attrito, consente di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.