Come cambiare un radiatore

di Nicolò Tricarico tramite: O2O difficoltà: difficile

Il radiatore dell'automobile, rappresenta la parte raffreddante dell'automobile, costituita da una serie di griglie, con all'interno del liquido refrigerante. Il radiatore è situato nella parte anteriore dell'automobile fra i due fari, all'interno del vano motore. Con il passare degli anni o a causa di un incidente, il radiatore potrebbe danneggiarsi ed iniziare a perdere del liquido di raffreddamento, causando dei danni molto rilevanti al motore. Su internet potremo trovare tantissime guide che ci insegneranno, passo dopo passo, tutte le varie operazioni da eseguire per poter sostituire un radiatore danneggiato. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a cambiare un radiatore.

Assicurati di avere a portata di mano: Radiatore nuovo Set di chiavi a bussola Giravite con punta a croce Giravite con punta a taglio Fascette metalliche Acqua distillata Liquido anticongelante

1 Rechiamoci da un autoricambi e con il libretto di circolazione in mano compriamo il radiatore idoneo per la nostra vettura, meglio se originale, onde evitare di incappare in qualche oggetto che non fa al caso nostro. Assieme al radiatore acquistiamo anche il liquido refrigerante, che servirà alla fine per reintegrare i circuiti.

2 Apriamo il cofano motore della nostra auto, identifichiamo il radiatore ed iniziamo a smontare il tutto. Assicuriamoci che il motore sia assolutamente freddo. Prestiamo la massima attenzione ad non aprire il tappo, quando il motore è ancora caldo.

Continua la lettura

3 Svitato il tappo, identifichiamo i due tubi che portano il liquido da e verso il motore.  Allentiamo la fascetta del tubo più in basso e spostiamola dalla sede dell'imbocco.  Approfondimento Come sostituire il radiatore alla Skoda Rapid (clicca qui) Fatto ciò, stacchiamo il tubo in questione e facciamo defluire tutto il liquido presente nel circuito.  Allo stesso modo, stacchiamo il tubo superiore, i connettori delle ventole e del sensore di temperatura.

4 In base al tipo di autovettura a volte è possibile prima staccare le ventole dal radiatore e poi il radiatore stesso, in altre le due parti sono solidali ed è possibile staccate le ventole solo dopo aver smontato il radiatore. In qualsiasi caso la procedura è la stessa, solo in ordine inverso.
Svitiamo i bulloni che tengono ancorato il radiatore al telaio ed estraiamo il tutto.

5 Se non lo abbiamo ancora fatto, svitiamo i bulloni che fissano le ventole, rimuoviamo le ventole stesse e andiamole a fissare nel radiatore nuovo. Stessa procedura per il sensore delle temperatura liquido ed eventuali altri sensori presenti.
Seguendo il procedimento inverso, rimontiamo il tutto, montiamo i tubi e blocchiamo le fascette.

6 Non ci resta che riempire nuovamente il circuito con il liquido refrigerante. Misceliamo l'acqua distillata con il liquido antigelo seguendo il rapporto 1 litro di antigelo e 3 di acqua e riempiamo la vaschetta sino alla tacca con la scritta max.

Come cambiare il radiatore Le automobili rappresentano il mezzo di trasporto maggiormente utilizzato. In virtù ... continua » Come cambiare il radiatore alla Toyota Yaris Toyota Yaris, un nome che è una garanzia: utilitaria dalle buone ... continua » Come cambiare il radiatore della moto All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di moto ... continua » Come cambiare il radiatore di una Ford Focus Il radiatore nell'auto è indispensabile per abbassare la temperatura del ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.