Come costruire un paraurti tuning

di Ant Adi tramite: O2O difficoltà: difficile

Malgrado le molte restrizioni del codice stradale in questo articolo voglio provare a esporvi come congegnare e costruire un paraurti tuning impiegando il materiale originale come base. Spero di aiutarvi nel modo giusto e corretto con questa guida e che il vostro paraurti faccia girare la testa a tutti i vostri colleghi tuner.

1 Assemblaggio del nuovo paraurti La prima cosa da fare è cercare il paraurti che desiderate. Una volta individuato quello che più vi soddisfa, sovrapponetelo al pezzo originale e marcate con del nastro adesivo le linee da tagliare. Con una piccola sega intagliate con pazienza e precisione il paraurti, e infine, dopo aver finito di tagliare, togliete i serramenti che si trovano nella parte inferiore del paraurti ed estraetelo. Trascinate via pure il resto del materiale di riempimento come la gomma piuma, il polistirolo, gli inutili ferri e altro. Poi passate all'assemblaggio, sovrapponete quindi il nuovo paraurti e attaccatelo al vecchio, facendo attenzione a saldarlo bene e che sia simmetrico e ben equilibrato con la linea del fianco della ruota. A questo punto avrete un'idea di come sarà la forma del vostro paraurti.

2 Aggiunta della vetroresina Ora dovete stondare e riempire lo stacco tra i due pezzi; per farlo attaccate del nastro telato sulla giuntura. Dopodiché è necessario organizzarre bene il lavoro perché si passa alla vetroresina, che si asciuga in fretta, in circa quindi minuti, quindi conviene avere sempre tutto ciò che ci potrebbe servire a portata di mano. Oltre alla vetroresina abbiamo bisogno del catalizzatore, di fogli di lana di vetro, di guanti in lattice, e di un pennello o una spatola morbida. Mescolate con le giuste proporzioni la vetroresina e il catalizzatore e stendete con il pennello o la spatola una prima mano a cavallo dei due paraurti, di circa una decina di centimetri, ricoprite con i fogli di lana di vetro, poi con altra vetroresina sopra e continuate così per almeno tre o quattro strati di lana di vetro, o comunque fino ad ottenere una curvatura che vi soddisfi. Poi attendete la completa asciugatura.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Smerigliamento dello stucco Dovete rimuovere tutte le tracce di resina e gli elementi di lana che sono rimasti nel paraurti per poi livellarlo con dello stucco da carrozziere.  Dopo averlo passato sopra la vetroresina attendete che si asciughi e si indurisca del tutto.  Approfondimento Come riparare un paraurti con la vetroresina (clicca qui) Poi con molta carta e tanta buona volontà iniziate a smerigliare lo stucco, usando inizialmente della carta da 20 per il grosso, poi da 30, poi da 40 e così via, finché diventa tutto liscio e molto fine.  E il paraurti fai da te è completato, non vi rimane che finire a vostro piacimento con la verniciatura.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come costruire un paraurti in vetroresina

Come riparare la carena di una moto Grazie alla carenatura della moto viene ridotta la resistenza aerodinamica della ... continua » Come montare un paraurti anteriore tuning all'automobile Se avete voglia di dare un tocco più fashion alla vostra ... continua » Tuning: come costruire parti in vetroresina La vetroresina è un materiale piuttosto resistente, essendo un tipo di ... continua » Tuning: come stuccare la plastica Il tuning altro non è che la modifica di un veicolo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come verniciare un paraurti

Con il passare degli anni, la vernice presente sulla nostra automobile tende a danneggiarsi sia per eventuali urti avvenuti durante l'uso e sia per ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.