Come costruire un paraurti tuning

di Gigi Feltri tramite: O2O difficoltà: media

Sebbene le molte restrizioni del codice stradale, in questo articolo voglio provare ad esporvi come congegnare e costruire un paraurti tuning impiegando il materiale originale come base. Spero di aiutarvi nel modo giusto ed esplicito con questa guida e che il vostro paraurti faccia girare la testa a tutti quanti i vostri colleghi tuner!

1 Come prima cosa è di cercare il paraurti che volete per assemblarlo, ci attrezziamo di qualsiasi misura che ci servirà per recidere il paraurti base. Lo riporteremo sopra il pezzo originale che è ancora collegato e marchiamo con dello nastro adesivo di carta le linee da tagliare. Con una piccola sega intagliamo con pazienza e precisione il paraurti, ed infine dopo aver finito di tagliare, togliere i serramenti che si trovano nella parte inferiore del paraurti e ricavarlo. Trascinando via pure il resto del materiale di riempimento per esempio la gomma piuma, polistirolo, gli inutili ferri e altro. Diamo un delicato riscuoto al taglio che abbiamo fatto, per farlo diventare più liscio e senza elementi che causerebbero sbavature. Poi passiamo all'assemblaggio, sovrapponiamo il nuovo paraurti e attacchiamo il nuovo al vecchio, facendo attenzione a saldarlo bene e che sia simmetrico e ben equilibrato con la linea del fianco della ruota. Più o meno avrete giù un idea di come sarà la forma del vostro paraurti.

2 Ora dobbiamo stondare e riempire lo stacco tra i due pezzi, e lo faremo attaccando sulla giuntura del nastro telato. Dopo di che dobbiamo organizzarre bene il lavoro perché si passa alla vetroresina, che si asciuga in fretta, circa 15 minuti, quindi conviene avere sempre tutto ciò che ci potrebbe servire a portata di mano.
Allora, vetroresina e catalizzatore, fogli di lana di vetro, guanti in lattice, un pennello o una spatola morbida.
Mescoliamo con le giuste proporzioni che troverete la vetroresina ed il catalizzatore e stendiamo con il pennello o la spatola una prima mano a cavallo dei due paraurti, di circa una decina di centimetri, ricopriamo con i fogli di lana di vetro, poi altra vetroresina sopra e continuiamo così per almeno 3 o 4 strati di lana di vetro, o comunque fino ad ottenere una curvatura che ci soddisfi. Poi aspettiamo la completa asciugatura.

Continua la lettura

3 Dobbiamo rimuovere tutte le tracce di resina e gli elementi di lana che sono rimasti nel paraurti, così che da stuccare con dello stucco da carrozziere.  Lo passiamo sopra tutta la vetroresina, e attendiamo che si asciughi e si indurisca del tutto.  Approfondimento Come montare un paraurti anteriore tuning all'automobile (clicca qui) Poi con molta carta e buona volontà iniziamo a smerigliare lo stucco, per prima usando della carta da 20 per il grosso, poi da 30, poi da 40 e così via, finché diventa tutto liscio e molto fine.  Ed il paraurti fai da te è completato, e vi è rimasto solo che finire con la verniciatura a vostro gusto.

Manutenzione: come riparare il paraurti Chi possiede un'automobile sa bene che essa ha bisogna di ... continua » Tuning: come stuccare la plastica Il tuning altro non è che la modifica di un veicolo ... continua » Come verniciare il paraurti dell'auto Quante volte, durante un parcheggio, capita di appoggiarsi alla macchina di ... continua » Tuning: come costruire parti in vetroresina La vetroresina è un materiale piuttosto resistente, essendo un tipo di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.