Come demolire un caravan

di Gino Varinaltro tramite: O2O difficoltà: media

Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo mezzi di trasporto molto diversi tra loro, a due o quattro ruote e così via. Tuttavia, anche questi mezzi, come la maggior parte delle cose, vanno incontro al momento in cui, dopo un periodo limitato di tempo, sono soggetti al danneggiamento materiale, e di conseguenza non vi è più convenienza nel tenerli e utilizzarli. A questo punto, solitamente, si avvia il processo di demolizione con conseguente consegna delle targe (nel caso in cui le si possiede). Come bisogna agire, invece, se il veicolo è un caravan? La procedura è decisamente diversa. Vediamo, dunque, come demolire e rottamare un vecchio caravan.

Assicurati di avere a portata di mano: Centro rottamazione autorizzato o concessionario Targa del camper - documenti: certificato di proprietà carta di circolazione - In caso di smarrimento targa o documenti denuncia relativa

1 Occorre prima di tutto decidere se si intende demolire il vecchio caravan arrivato in fase di pensionamento senza acquistarne uno nuovo in sua sostituzione, oppure se si è decisi a comprare un nuovo caravan che sostituisca quello vecchio.
Nel primo caso ci rivolgeremo a un centro autorizzato alla demolizione, mentre nel secondo ci si può rivolgere direttamente al concessionario in cui stiamo per comprare il nuovo caravan.

2 Per conoscere quali sono i centri autorizzati per la demolizione di camper e caravan presenti nella regione di appartenenza, si dovrà compiere una semplice ricerca in internet e digitare "centri autorizzati demolizione caravan", aggiungendo la città o la regione di appartenenza.
Nel momento in cui si decide dove rottamare il proprio camper, bisogna tenere conto che la persona o la società a cui ci siamo rivolti deve, per legge, rottamarlo entro trenta giorni dalla data della consegna e procedere alla cancellazione dello stesso presso il PRA (Pubblico registro automobilistico) tramite richiesta di cancellazione per cessata circolazione del veicolo. Le roulotte si avvalgono del medesimo metodo di rottamazione dei camper e dei caravan.

Continua la lettura

3 Se per caso ci troviamo nel caso in cui sul veicolo è presente un provvedimento di fermo amministrativo (es.  Multe e sanzioni), è assolutamente necessaria la risoluzione dello stesso prima della rottamazione.  Approfondimento Demolizione caravan e roulotte (clicca qui) Per essere certi che non vi sia alcun fermo amministrativo in corso, basta recarsi presso l'ACI e chiedere un semplice controllo sul mezzo. 
Quando si procede alla consegna del mezzo presso il centro raccolta, si dovrà essere muniti della targa dello stesso, insieme al certificato di proprietà e alla carta di circolazione del veicolo.  Se la targa è andata smarrita o rubata o se risultano assenti alcuni documenti, si dovrà presentare in sostituzione la relativa denuncia presentata nei commissariati di polizia o carabinieri. 
Alla fine della procedura, il centro di raccolta autorizzato o il concessionario, rilasceranno al proprietario del veicolo rottamato, il relativo certificato di rottamazione.

Non dimenticare mai: Effettuate una semplice ricerca in internet dei centri autorizzati nella vostra città

Come rottamare una moto Rottamare una moto è una decisione da prendere quando si è ... continua » Pratica di demolizione e rottamazione Arriva sempre, prima o poi, il momento di cambiare automobile, sia ... continua » Come demolire un'auto, tutte le info L'ora di cambiare la propria auto, a cui magari ci ... continua » Come rottamare uno scooter Se nel garage di casa oppure nel giardino abbiamo uno scooter ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come trainare un caravan

Il caravan è sempre stato per tutti gli automobilisti e appassionati vari, uno dei mezzi di trasporto più comodi e confortevoli del mondo. Infatti esso ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.