Come distinguere il tipo di lampadine dell'auto

di Maria Pia Adelfio tramite: O2O difficoltà: facile

Molto spesso ci capita di dover sostituire le lampadine dell'auto ma recandoci in un centro commerciale, con tutti i codici presenti sulle lampadine, non ci capiamo nulla. Per fare luce sull'arcano, consultate questa guida e riuscirete, da soli, a capire e a distinguere il tipo di lampadine che monta la vostra automobile. Vediamo come fare.

Assicurati di avere a portata di mano: Vari tipi di lampadine

1 Innanzitutto guardate nella parabola del faro della vostra macchina: se questa è divisa in due parti principali quel tipo di lampadina si chiama H7, viene montata sia sulla luce abbagliante che sulla luce anabbagliante della vostra macchina; se invece all'interno del faro c'è una sola parte e una sola lampadina, questa è di tipo H4 ed è unica sia per l'abbaglianti che per gli anabbaglianti.

2 Invece per i faretti fendinebbia vengono utilizzate altre due lampadine, chiamate H1 o H3 e si contraddistinguono in base agli attacchi elettrici che hanno. Per le H1 gli attacchi hanno delle linguette fissate alla base metallica del faro, mentre per le H3 vengono utilizzati dei veri e propri fili elettrici. Esistono due tipologie di proiettori: quelli lenticolari, che usano le lampadine H1, e quelli a parabola, che usano le H3.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Per quanto riguarda le lampadine di posizione, invece, distinguiamo due modelli, di cui uno con la base in metallo e un altro con due contatti elettrici: per distinguerle e sostituirle bisogna smontarne una.  Le lampadine per gli interni sono le cosiddette a siluro (lunghe e a forma cilindrica) oppure le T10, i led per la strumentazione di bordo sono le T5.

4 La distinzione tra le lampadine, però, non si ferma qui: queste, che si suddividono a seconda dei gusti e delle esigenze del cliente, possono variare dalle semplici lampadine alogene standard alle nuove lampade led. In quest'ultima parte dell'articolo si prenderanno in esame alcune di queste tipologie esaminandone le caratteristiche principali. La prima candidata è una classica lampadina alogena di quarzo trasparente: questa lampada dal costo ridotto è una delle più valide grazie al giusto bilanciamento tra la durata, il rendimento e il prezzo. Può essere utilizzata per circa tre anni e garantisce una buona illuminazione, non per nulla è quella più montata in assoluto.

5 La seconda tipologia che prenderemo in questione è quella delle lampade alogene performance: queste si differenziano dalle precedenti perché puntano ad offrire il massimo coefficiente di luminosità. La loro unica pecca potrebbe essere la durata, che è di circa 1 anno. Infine, l'ultimo tipo di lampade esaminato in quest'articolo è quello delle lampade alogene tuning che, come dice il nome, sono riservate agli amanti della personalizzazione. Queste lampadine, infatti, presentano un vetro azzurro invece di un semplice vetro trasparente, e dunque si concentrano sul fattore estetico più che sull'illuminazione della strada. In più, hanno un tempo di vita abbastanza ridotto poiché, in genere, garantiscono una funzionalità fino a 3-4 mesi.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come distinguere il tipo di lampadine dell’auto. Classifichiamo le luci e i fari. Come cambiare la lampadina del faro dell'auto.

Fari allo xeno: tutto quello che c'è da sapere I fari delle automobili non sono tutti uguali. Nelle strade, alcune ... continua » Come cambiare le lampadine alla Fiat Barchetta Dopo un lungo periodo di assenza a metà degli anni '90 ... continua » Come cambiare le lampadine alla Ford Fiesta Nelle nuove autovetture le procedure necessarie per sostituire le lampadine sono ... continua » Come cambiare la luce bruciata del fendinebbia posteriore Il fanale posteriore è sicuramente una parte integrante del sistema di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.