Come far ripatire una mini moto dopo un periodo di ferma

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: media

Capita a tutti di tenere ferma la minimoto per un determinato periodo di tempo, specialmente in inverno. Essendo queste equipaggiate con motori a due tempi per avere maggiore potenza con un ingombro ridotto, possono dare qualche problema al momento della prima messa in moto stagionale. In questa esplicherò i semplici passaggi da eseguire per l'accensione e ripatire in sella a questi piccoli gioiellini a due ruote.

Assicurati di avere a portata di mano: solo una siringa nuova , senza l'ago e un pò di benzina.

1 Per prima cosa, se non vuoi stare troppo scomodo, posiziona la minimoto sopra di una tavolo da lavoro, e mettila sul suo cavalletto.
Dopo di che bisogna procedere con lo smontaggio delle carene, in moto di poter agire sul blocco motore. Normalmente vi sono due viti per lato, da svitare con un cacciavite a stella.

2 A seconda del tipo di minimoto ci saranno processi diversi per lo smontaggio, ma comunque molto semplici. Per la nostra guida prendiamo in considerazione la moto in foto. Sfila la carena in avanti, facendola passare sopra la ruota anteriore, e riponi la carena in un posto sicuro senza farla cadere (si tratta sempre di plastica).
Siamo cosi arrivati al motore. Ciò a cui dobbiamo rimediare è una siccità all'interno del cilindro, per cui procediamo con lo smontaggio del "cappuccio" della candela.

Continua la lettura

3 Con la corretta chiave a brugola si passa adesso allo smontaggio della candela.  Dovresti aver acquistato la chiave assieme alla minimoto, in alternativa la puoi acquistare, anche in un centro commerciale.  Approfondimento Tutto sulle minimoto (clicca qui)
Rimuovi adesso la candela e inserisci qualche goccia di miscela all'interno del cilindro, tramite appunto il buco della candela.  Ricorda di non tirare la corda di accensione adesso in quanto l'intera aspirazione perderebbe compressione.  Avvita ora la candela, ripetendo il processo al contrario e riposiziona correttamente il "cappuccio".

4 Come ultima cosa devi fare in modo che entri più aria nel cilindro.
A tale scopo vi è, sul carburatore, un apposita "leva" di plastica da alzare, per fare in modo che aspiri più aria. Prova ora a mettere in moto tirando la corda, un paio di volte se necessario. Una volta accesa, lascia scaldare il tutto per qualche minuto. Ricorda che l'aria nel carburatore non deve rimanere tirata, in quanto comprometterebbe il corretto funzionamento del motore e porterebbe, nella peggiore delle ipotesi, al grippaggio. Mantieni quindi la moto leggermente accelerata e abbassa la leva dell'aria. Adesso puoi passare al rimontaggio delle carene, le prossime accensioni saranno molto più facili! Buon divertimento!

Non dimenticare mai: non esagerare nel mettere benzina direttamente nella testata. puoi riprovare l'accensione quante volte vuoi , non succede niente al motore della mini moto. Questa operazione la puoi fare anche per minicross e miniquad con accensione a strappo.

Come guidare una minimoto Una minimoto, come induce a pensare la parola stessa, è un ... continua » Come cambiare la camera d'aria ad una minimoto-pitbike Cambiare la camera d'aria ad una minimoto-pitbike, è un compito ... continua » Manutenzione della Vespa: come cambiare la candela La maggior parte degli italiani hanno un motociclo all'interno del ... continua » Come funziona il motore termico a 2 tempi Con il termine di motore termico si intende quel sistema di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.