Come guidare le moto con marce

di Chiara Ravenna tramite: O2O difficoltà: media

In questo articolo vi indicheremo come guidare le moto con marce. Oggigiorno, la maggior parte dei ragazzi cominciare ad andare in moto con i motorini che non hanno le marce, oppure meglio quelli che le marche sono interne, cioè che si attivano in modo automatico, non comandate direttamente da chi guida. Il compito della frizione è quello di fasare i giri del motore con quelli della ruota quando cambia la velocità della moto. Quasi tutti i motorini ed anche gli scooter hanno soltanto infatti il comando del gas sulla destra. La frizione è interna ed è associata al variatore della velocità. Nelle moto che hanno le marce, invece, tutto questo lavoro dovrà essere impostato dal guidatore. Continuate la lettura che vi potrà dare diversi suggerimenti per imparare a guidare una moto con le marce. Buona lettura!

1 Breve spiegazioni di come è fatto un cambio Non è per nulla facile avere dimestichezza con un cambio di una motocicletta, anche se sapete già guidare un'auto. Brevemente vi spieghiamo come è fatto il cambio, in che modo funziona e cosa dovrete sapere per utilizzarlo. Prima di tutto dovrete conoscere la leva della frizione ed anche quella del comando per il cambio, che dovranno lavorare sempre in armonia e nel momento uguale. Troverete il comando della frizione posizionato a sinistra del manubrio. Se si stacca il collegamento tra il motore ed il cambio, noterete che la frizione scollega il motore dalle ruote. Questa cosa serve quando la moto è ferma con il motore acceso. Se la frizione viene rilasciata, e perciò è a riposo, sono collegati tra loro il cambio e l’albero motore. Una volta che andrete a tirare la frizione, i due organi si staccano e l'albero motore non trasmette più movimento al cambio. La leva del motore che viene comandata con il piede, la trovate in basso a sinistra. Tale leva, muoverà gli ingranaggi del cambio, così facendo cambia le marce. Il numero delle marce non è sempre lo stesso per tutte le moto, anzi dipende dal modello. La differenza non sta nel modo di funzionare, ma anzi è soltanto nel numero di marce.

2 Procedura su come fare Dovrete mettere in posizione folle, cioè neutra. Essa è l'unica marcia che permettere di tenere il motore in accensione, e quindi non muovendo la moto. La leva della frizione è in posizionamento di riposo. Le marce, a questo punto le dovrete inserire in questo modo: tirate la frizione con la sinistra, vedrete che si alza, poi o dovrete abbassare la leva del cambio mediante il piede sinistro, cioè verso giù con la pianta, oppure verso in alto aiutandovi con il collo del piede. Mediante il piede, quando si fa un movimento verso il basso, vuol dire che si scala la marcia, andando verso la marcia inferiore. Una volta che il movimento sarà verso l'alto, vuol dire che si va verso le marce alte, precisamente fino alla sesta, chiaramente con successivi scatti.

Continua la lettura

3 Provate la vostra moto con un po' di giri A questo punto potrete provare a fare un giro.  Scegliete un luogo che sia libero senza traffico oppure anche con ostacoli.  Approfondimento Consigli per imparare a guidare una Vespa (clicca qui) Sedetevi sopra la moto, mettete il casco, poi vi dovrete subito accertarvi, che il cambio è in folle, cioè nella posizione neutra.  Per mettere il cambio in folle, se per caso non lo fosse, dovrete semplicemente tirare la frizione, poi dovrete alzare oppure abbassare la leva con il piede, finché non va in folle.

Come imparare a guidare la Vespa La Vespa è un motociclo brevettato dalla Piaggio il 23 Aprile ... continua » Auto: come usare il cambio Il cambio di velocità è uno strumento meccanico in grado di ... continua » Moto: imparare a cambiare le marce La passione che un guidatore mette nel far sfrecciare una moto ... continua » Auto: come usare il cambio In un auto, il cambio è quel pezzo meccanico formato da ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.