Come imparare a guidare una moto

di Nicolò Tricarico tramite: O2O difficoltà: facile

Se siamo degli amanti delle moto ma non ne abbiamo mai guidata una, prima di salirci sopra, dovremo necessariamente imparare tutte le tecniche necessari per riuscire a guidarla correttamente. Successivamente potremo iniziare a guidarla, magari facendoci aiutare da qualcuno che ne possiede già una e che quindi potrà insegnarci a guidarla correttamente. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad imparare correttamente a guidare una moto.
Come potremo notare, leggendo le indicazioni contenute di seguito, imparare a guidare una moto è veramente molto semplice, basterà conoscere tutte le tecniche ed effettuare molta pratica. Ricordiamoci sempre di indossare un adeguato casco prima di salire in sella alla nostro moto, in modo da essere sempre protetti.

Assicurati di avere a portata di mano: Una moto Un po' di tempo e volontà

1 Per prima cosa procuriamoci una moto, una qualsiasi, anche molto vecchia dato che i meccanismi e i comandi sono gli stessi. Le prime situazioni delicate da affrontare, di carattere psicologico, sono la paura e l'ansia. Inizialmente evitiamo una moto troppo potente o da corsa, meglio una motocicletta da turismo che non sia troppo pesante e abbia il baricentro basso; le moto di questo tipo sono più facili da controllare.

2 Una volta saliti sulla nostra moto, togliamo il cavalletto e rimaniamo in equilibrio; potrà anche sembrar banale, ma per chi si avvicina per la prima volta alle due ruote questa abilità si rende necessaria. Stare in piedi, in equilibrio, senza consentire alla moto di pendere da una parte o dall'altra è la prima manovra da imparare, la stessa cosa succederà durante la guida agli stop, al semaforo rosso e ogni qualvolta ci si debba fermare.

Continua la lettura

3 Le moto attuali sono tutte con l'accensione automatica, quindi se abbiamo una moto abbastanza recente ci basterà girare la chiave e controllare se il pedale alla nostra sinistra, cioè quello delle marce, è posto in posizione di folle; basta guardare l'indicatore e verificare che la lucina con la "N" sia accesa o che sul contagiri vi sia la "N"; a questo punto alla nostra destra troveremo il tasto di accensione automatica e basterà premerlo per sentire il dolce suono del motore.  Se il cambio non fosse in folle basterà accendere tirando la leva di sinistra e cioè la frizione.  Approfondimento Come guidare le moto con marce (clicca qui) La leva di destra corrisponde al freno anteriore e il pedale di destra al freno posteriore.

4 Premiamo la frizione e abbassiamo il pedale alla nostra sinistra per ingranare la prima marcia.
Proviamo ad accelerare leggermente e a lasciare gradualmente la frizione, in modo da far partire lentamente la moto. A questo punto potremo lasciare totalmente la frizione, ma sempre senza strappi violenti, con gradualità.
Ripetere molte volte l'operazione è senza dubbio utile, come una sorta di allenamento alla partenza e al controllo dell'acceleratore e della frizione.

Non dimenticare mai: Facciamo molta pratica per imparare a guidare correttamente la nostra moto

Moto: imparare a cambiare le marce La passione che un guidatore mette nel far sfrecciare una moto ... continua » Come cambiare la Frizione della moto La moto è un mezzo di trasporto davvero comodo che ci ... continua » Come imparare a guidare la Vespa La Vespa è un motociclo brevettato dalla Piaggio il 23 Aprile ... continua » Auto: come usare il cambio Il cambio di velocità è uno strumento meccanico in grado di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come regolare la frizione della moto

Possedere una motocicletta significa dedicare molto tempo alla sua manutenzione: guidare un mezzo sicuro ci permetterà di godere totalmente delle sue potenzialità. La prassi manutentiva ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.