Come montare il gancio di traino ad una Smart

di Giuseppa Spinola tramite: O2O difficoltà: media

E possibile trasportare con la macchina, con funi o appositi carrello, dei beni esterni alla vettura. Oppure montare una piccola roulotte per i viaggi di piacere e magari più lunghi, senza a vere l'impressione di dormire proprio in macchina. Il gancio da traino o da rimorchio, viene utilizzato nelle vetture per riuscire, appunto, a trainare un carico particolarmente pesante e eccedente che, quindi, non è inseribile nella vettura, oppure per trainare un veicolo che non è più in grado di muoversi per un eventuale guasto. Nella guida vedremo come procedere per montare il gancio di traino su un veicolo come la Smart.

Assicurati di avere a portata di mano: occhione di traino, carrello/fune di traino

1 Innanzitutto bisogna valutare se la vettura riesce a supportare la capacità di traino. Ogni auto può trainare un peso diverso e di conseguenza si intuisce che non tutti i tipi di rimorchi sono adeguati per un'automobile come la Smart. La Smart è comunque un auto piuttosto piccoli, quindi già si intuisce che il peso sopportabile non sia elevato. Comunque il peso che può trascinare un'auto mediante il gancio di traino è scritto nel libretto, dove vengono indicati i pesi specifici che può supportare. Bisogna comunque considerare che in base alla normativa vigente l'automobile non può superare i 50 Km/h, poiché gli spostamenti del rimorchio sarebbe troppo forte e quindi si rischierebbe anche il ribaltamento delle vetture.

2 Come prima cosa bisogna provvedere ad aprire il foro del paraurti posteriore. Infatti vi è già fatta la predisposizione, a forma di quadrato, già sagomata. Con uno sforzo e con l'aiuto di un piccolo oggetto, bisogna eliminare questo piccolo coperchietto. Nella ruota di scorta, o sotto la moquette del lato passeggero, è disposto l'occhiolino di traino. A questo punto va inserito nell'apposito gancio per poter procedere al traino del rimorchio.

Continua la lettura

3 Estratto l'occhione di traino provvediamo a montarlo nella parte della copertura precedentemente rimossa e avvitare l'occhione di traino fino al totale arresto, accertandovi, in tal senso, che il montaggio non risulti instabile.  Successivamente è possibile montare la fune o il carrello di traino all'occhione, in relazione al tipo di peso da trainare.

4 Ricordatevi, infine che il gancio per il rimorchio deve essere montato in relazione al peso indicato, generalmente non superiore ai 750 kg e seguire una andatura, come precedentemente detto, non superiore ai 50 km. Il prezzo per i pezzi del gancio per il rimorchio, si aggirano intorno ai 2000/2500 euro per i carrelli, ai 300/400 euro per le sbarre. Concluso il montaggio e preso atto delle indicazione da rispettare, è possibile concludere il tutto procedendo nell'aggancio del peso desiderato. Prestate particolare attenzione alla guida con rimorchio soprattutto fuori città, rispettando limiti di trasporto e velocità. Detto questo, non mi resta che augurarvi un buon viaggio.

Non dimenticare mai: non superare i 50 km Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.umbrarimorchi.it/towbars/towbar/sez/search/searchtext/Smart/page1/1/bra

Come acquistare un rimorchio usato Nel caso in cui si ha la necessità di trasportare oggetti ... continua » Come acquistare un rimorchio usato Se abbiamo la necessità di trasportare oggetti abbastanza voluminosi oppure piccoli ... continua » Come trainare un'auto Per fortuna non sono cose che capitano tutti i giorni ma ... continua » Come fare marcia indietro con un veicolo a rimorchio Se sei alla guida di un veicolo a rimorchio, come quando ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come comprare un'auto in Germania

L’acquisto di un’auto è sempre un investimento importante per ogni cittadino italiano. Tutti vorrebbero spendere il meno possibile, ottenendo nello stesso tempo una ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.