Come montare un gruppo termico su moto o motorino

di Daniele Rinella tramite: O2O difficoltà: media

In alcune occasioni si vorrebbe avere a disposizione una moto o un motorino più veloci, che riescano ad ottenere delle prestazioni migliori sulla strada ed in mezzo al traffico. Per raggiungere questo obiettivo non è necessario comprare un nuovo veicolo, ma è sufficiente sostituire il gruppo termico con uno di potenza più elevata. Questa sostituzione può essere fatta tranquillamente da soli, senza l’oneroso l’intervento di un meccanico. In questa guida sarà spiegato come montare un gruppo termico su moto o motorino.

Assicurati di avere a portata di mano: Chiave della dimensione dei dadi di serraggio Un panno pulito Olio per motori "2T"

1 Quando si parla di motori, il gruppo termico è composto dalle parti meccaniche necessarie al suo funzionamento, cioè il cilindro, la testa ed il pistone. Per prima cosa è necessario smontare il vecchio gruppo termico da sostituire e ripulire accuratamente la parte attorno all'alloggio del cilindro sul carter. Utilizzando un panno, deve essere eliminato qualsiasi residuo di pasta rossa o di sporco: per i punti più difficili in cui lo sporco si può essere accumulato, meglio utilizzare un cacciavite a taglio, facendo sempre molta attenzione a non rovinare il motore. Durante queste operazioni, meglio coprire l'apertura del carter con della carta o un panno. Una volta che il tutto sarà pulito, si deve prendere la nuova guarnizione della base del cilindro ed inserirla nell’apposito alloggiamento.

2 Prendere poi il nuovo pistone e posizionarlo sulla biella nel cosiddetto “punto morto” superiore, in modo tale che la parte aperta si venga a trovare dal lato dell'aspirazione del motore e la freccia sul cielo sia rivolta verso la luce di scarico. Agganciare inizialmente un solo fermo spinotto e controllare che il pistone sia perfettamente centrato. Successivamente infilare la nuova gabbia a rulli sulla biella ed inserire lo spinotto dal lato in cui non è stato agganciato il fermo. Inserire poi il secondo anello di fermo facendo attenzione ad agganciarlo correttamente.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 A questo punto è il momento di inserire il secondo anello di fermo facendo attenzione, anche in questo caso, ad agganciarlo correttamente.  Prendere il cilindro, lubrificarlo con dell'olio per motori "2T" ed inserirlo delicatamente nel suo alloggiamento, posizionando i segmenti in modo che le estremità coincidano con i grani di fermo del pistone.  Approfondimento Scooter: come montare un cilindro (clicca qui) Posizionare infine la guarnizione della testa, l'O-ring di tenuta e la testa sul cilindro.  Serrare i dadi della testa in modo incrociato con una chiave della giusta misura e rimettere il liquido di raffreddamento.  Fare attenzione a serrare i dadi della testa con la giusta forza di serraggio consigliata dalle istruzioni del kit di trasformazione.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: L'arte di montare un cilindro. Come smontare un gruppo termico a liquido. Cambiare il gruppo termico: guida pratica per negati.

Come cambiare il gruppo termico del motorino I veicoli a due ruote ci tornano davvero utili in caso ... continua » Montare un cilindro su una moto o su uno scooter Spesso chi possiede una moto o uno scooter è tentano più ... continua » Come funziona il motore termico a 2 tempi Con il termine di motore termico si intende quel sistema di ... continua » Come cambiare il pistone dell'Aprilia Rs 50 Gli appassionati e le appassionate dei motori, ed in particolar modo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.