Come preparare una portiera o un altro lamierato di carrozzeria

di Rossella Cecchini tramite: O2O difficoltà: difficile

Solitamente, a seguito dello smontaggio di una parte lamierata della nostra autovettura, può succedere di ritrovarsi dei fastidiosi graffi oppure delle ondulazioni eccessive. Ebbene in questo caso non rimane altro da fare che preparare il supporto per effettuare un'opportuna verniciatura, in modo tale da andare a coprire anche il più piccolo segno presente sulla carrozzeria. È raccomandabile prestare moltissima attenzione quando si effettua una riverniciatura e, a tal proposito, la nostra breve guida ci permetterà di scoprire come preparare una portiera o un qualsiasi altro lamierato di carrozzeria.

Assicurati di avere a portata di mano: 2 spatole metalliche 1 latta stucco metallico Tela smeriglia grana p60, p150, p400 smerigliatore angolare con piatto e disco p36, dotato di regolatore di velocità

1 Innanzitutto è necessario procurarsi la smerigliatrice (ovvero una macchina utensile dalle molteplici forme). Tale strumento dovrebbe avere un piatto e un disco per essere regolato a basso regime (max. 1000 giri). A questo punto la smerigliatrice deve andare a lavorare sulla parte che è stata ribattuta e privata delle ammaccature, poiché la vernice deve assolutamente essere rimossa. Grazie a questa operazione lo stucco metallico potrà aderire alla perfezione. La smerigliatrice provoca alcuni piccoli graffi, i quali possono essere per così dire scaricati. Ora bisognerà procedere con le sfumature utilizzando la tela smeriglia con grana p60.

2 Risulterà indispensabile pulire a fondo il supporto per passare, in seguito, con le spatole metalliche lo stucco metallico dall'alto verso il basso, avendo cura di rispettare la relativa sagoma. Con la tela smeriglia e un tampone morbido occorre carteggiare lo stucco: se alla fine di questa operazione non ci si dovesse accorgere della presenza di eventuali ondulazioni, allora ci si dovrà affidare al senso del tatto passando la mano sopra il lamierato appena carteggiato.

Continua la lettura

3 Qualora non vi siano ondulazioni, si può procedere all'impiego della tela smeriglia a grana p150.  Mediante codesta tela occorre andare a scaricare bene tutti i graffi della precedente tela p60 e, se necessario, sarà buona cosa ripassare lo stucco solo nei graffi rimanenti che risultino maggiormente evidenti.  Approfondimento Come raddrizzare una portiera (clicca qui) Fatto tutto questo lavoro senza graffiare l'eventuale apertura esterna né la modanatura, si può passare ad effettuare un ulteriore carteggio di tutta la superficie su cui si è lavorato precedentemente, adoperando l'apposita tela p400.

4 La verniciatura consiste nello spruzzare una prima mano di vernice (detta anche base) e, dopo essersi sincerati della completa essiccazione, è necessario passarne un'altra mano. Infine occorre spruzzare il trasparente, il quale permette di ottenere una pellicola avente l'obiettivo di proteggere la base sottostante. Oltretutto essa migliora l'aspetto della superficie creando un effetto lucido.

Come riparare i graffi dalla carrozzeria dell'auto Quando l'auto è nuova tendiamo a lavarla ed a lucidarla ... continua » Come verniciare la carrozzeria dell'auto con la bomboletta Siete possessori di una vecchia automobile? Avete quell’irrefrenabile desiderio di ... continua » Come verniciare un auto Piccoli tamponamenti o graffi possono richiedere l'intervento di riverniciatura della ... continua » Come riparare gli urti Riparare le ammaccature della carrozzeria dell'auto è possibile anche con ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.