Come progettare un telaio per moto

di Luca Lucarelli tramite: O2O difficoltà: difficile

Molti motociclisti sognano una moto personalizzata che rispecchi completamente i loro desideri. Progettare il telaio di una moto però è veramente difficile perché dobbiamo tenere conto di molti fattori, come angoli e lunghezze, rinchiusi in una sorta di rompicapo matematico che permetta alla fine di ottenere un prodotto non solo bello e solido nella sua struttura, ma anche sicuro, maneggevole e soprattutto stabile su strada. Con questa guida cercheremo di darvi i consigli migliori per riuscire a progettare un telaio per la vostra moto.

Assicurati di avere a portata di mano: carta per progetti e matita

1 Un telaio è una struttura portante, rappresenta ciò che per gli esseri umani è lo scheletro: il sostegno di tutta la struttura. In una moto il telaio è il la struttura che tiene insieme e collega tutte le parti permettendo loro di lavorare in sinergia sfruttando al massimo le singole caratteristiche di ogni componente. Un telaio inoltre deve essere robusto e resistente per affrontare i dislivelli stradali e reggere il peso dei passeggeri senza deformarsi o spezzarsi; allo stesso tempo deve essere anche rigido per avere le ruote sempre perfettamente allineate ed essere sicuro.

2 Iniziamo a progettare il telaio decidendo per prima cosa quale utilizzo vogliamo fare della moto e soprattutto quale sarà la lunghezza (per lunghezza della moto si intende la misura che va dall'asse della ruota anteriore a quello della ruota posteriore). Dobbiamo considerare che essa ha un peso determinante nella stabilità della moto: un telaio più lungo darà una moto più stabile ma che si piega con più difficoltà nelle curve; un telaio più corto avrà come risultato una moto meno stabile ma più facile da guidare in curva.

Continua la lettura

3 L’elemento molto importante da tenere in considerazione è l'angolo di sterzo che si può trova all'incrocio tra l'asse della ruota anteriore con lo sterzo.  Se vogliamo dare alla nostra moto maneggevolezza nelle curve l'angolo dev'essere stretto, mentre se vogliamo un telaio con maggiore assetto l’angolo deve essere largo.  Approfondimento Come cambiare la forcella della F 650 CS Scarver (clicca qui) Anche per lo sterzo stesso ci troviamo di fronte a un ulteriore calcolo.  Infatti se diamo poco sterzo, la forcella risulta eccessivamente dritta e la futura moto non andrà facilmente diritta.  Dobbiamo quindi riuscire a trovare un giusto equilibrio tra l'asse dello sterzo e l'asse della ruota anteriore, in modo da garantire allo stesso tempo stabilità e facilità di guida.  Per esempio aumentando la differenza tra la colonna dello sterzo e la forcella riusciremo ad ottenere una allo stesso tempo una buona maneggevolezza dello sterzo.

4 Come ultimo punto da considerare, ma ugualmente importante, un buon telaio deve avere un giusto baricentro. Ad esempio se diamo alla nostra moto un baricentro basso, avremo una moto molto più stabile nei rettilinei. Per eseguire un buon progetto dobbiamo quindi tenere conto delle prestazioni finali che vogliamo ottenere dalla moto. Ci sono anche altri fattori da considerare come i carichi che il telaio può sopportare, ma sono calcoli complessi e difficili. La cosa migliore da fare quindi è quella di realizzare il nostro progetto come una bozza da far continuare poi a una persona esperta in progettazione. Soltanto così otterremo un buon lavoro da poter mettere in pratica.

Come cambiare la forcella della R 1200 GS La Bmw R 1200 GS è un modello di moto, soprannominata ... continua » Come cambiare la forcella della CRF 250 R Se avete bisogno di cambiare la forcella della vostra CRF 250 ... continua » Come cambiare la forcella della CBR 1000 RR La manutenzione è importante su tutti i motori, inclusi quelli delle ... continua » Guida alla Suzuki GSR 750 Il mondo delle moto è un mondo davvero meraviglioso, per gli ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Le migliori moto freestyle

Guidare una moto è un'emozione indescrivibile. Essere in sella alla propria due ruote e sentire le vibrazioni del motore che mette in moto tutti ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.