Come proteggere la moto dagli agenti atmosferici

di Carmen Daniela Lettieri tramite: O2O difficoltà: media

Chi è appassionato di moto sa bene che questo veicolo ha bisogno di numerose cure ed attenzioni per poter funzionare nel modo adeguato e per poter garantire al guidatore la massima sicurezza in strada. Per questo motivo è necessario effettuare una serie di controlli periodici ed eseguire degli interventi di manutenzione al fine di non ritrovarsi con spiacevoli sorprese. Questa attenzione non deve però essere rivolta solamente all'interno della moto ma anche all'esterno. In particolare infatti è opportuno proteggere il veicolo dagli agenti atmosferici che possono verificarsi. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come poter fare.

Assicurati di avere a portata di mano: telo cartone ondulato

1 Procurarsi un posto al coperto La prima cosa da fare per poter proteggere in maniera efficace il proprio veicolo senza rischiare alcun tipo di danno consiste nel disporlo in u luogo coperto come ad esempio un garage oppure un box. Naturalmente questo non è sufficiente per proteggere al cento per cento il vostro motore, in modo particolare se viaggiate parecchio e, chiaramente durante il tragitto i vari agenti atmosferici li "prendete in pieno". In questo caso dovrete cercare di sfruttare il più possibile i momenti meno "aggressivi" del sole oppure delle piogge.

2 Mettere un cartone In inverno il problema per la carrozzeria è ben diverso. Se infatti anche in questo periodo amate sfoggiare la vostra moto, per necessità oppure per sfizio, allora avrete a che fare con altri ugualmente "pericolosi" agenti atmosferici. A parte la pioggia, che certamente non provoca particolari danni, dovrete stare molto attenti ad eventuali scaricate di grandine. In questo caso ciò che dovrete fare per proteggere la meglio la vostra moto è quella di sistemare su di essa (nelle parti più delicate) del cartone ondulato che ha una maggiore resistenza alla potenza della grandine.

Continua la lettura

3 Mettere un telo Durante il periodo estivo il discorso cambia.  Quello che, a lungo andare, può rovinare la superficie della vostra moto sono i raggi solari diretti, soprattutto di alcune ore della giornata che vanno dalle undici alle cinque del pomeriggio.  Approfondimento Consigli su come proteggere l'auto dagli agenti atmosferici (clicca qui) In queste ore del giorno è il caso di tenere la moto sotto l'ombra, sotto un qualsiasi albero o comunque in un luogo riparato.  In alternativa potete portare sempre con voi, per esempio dentro un bauletto, un telo protettivo su misura per la vostra moto.  Esso si rivela sempre molto utile quanto meno per evitare che il sole troppo forte possa scolorire a lungo andare la carrozzeria della moto.

Come proteggere l'auto dalla grandine Le grandinate, sia estive che invernali, possono apportare serissimi danni alla ... continua » Come Lucidare la parti cromate della moto Per milioni e milioni di persone in tutto il mondo, la ... continua » Gita in moto: come vestirsi Durante il periodo estivo o nelle giornate particolarmente calde, l'andare ... continua » Come reimmatricolare una moto Capita spesso di imbattersi in vendite di moto prive di documenti ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Idee per personalizzare la moto

Il mito della "due ruote" ha appassionato da sempre tutte le generazioni. Questo mito, rimasto intatto nel tempo, continua ad appassionare sempre più un numero ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.