Come pulire internamente una marmitta

di Cockie D. tramite: O2O difficoltà: media

L'evoluzione tecnologica dei tempi nostri, incide anche sulle parti meccaniche delle autovetture, infatti, qualche anno fa e fino all'avvento delle marmitte catalitiche nel rispetto delle norme anti inquinamento, i tubi di scarico erano costituiti da 3 parti ben precise: il tubo di collegamento con il motore, l'espansore del gas e il finale della marmitta con il silenziatore, per la riduzione del rumore. Con questo sistema obsoleto, solo poca percentuale dei gas nocivi, venivano intrappolati, tutto il resto era espulso nell'ambiente. Per ottemperare a questo danno ambientale, le case automobilistiche, idearono il catalizzatore, che sostituiva la marmitta classica, riducendo non poco l'emissione dei gas nocivi. Arrivati ai giorni nostri troviamo montate quindi nelle nostre autovetture e motocicli questi dispositivi, che di tanto in tanto hanno bisogno di una ripulita; se sei un'amante del fai da te vediamo insieme come pulire interamente la marmitta.

Assicurati di avere a portata di mano: guanti chiavi inglesi pinze

1 Il primo metodo che andiamo a descrivere, è adatto a un lavoro da officina, in quanto per accedere correttamente al catalizzatore ed ai suoi sensori, dobbiamo sollevare il mezzo con l'apposito ponte. Un metodo quindi un po' costoso e poco praticabile in modalità fai da te. È inutile sottolineare l'efficacia di tale metodo, che riporta il nostro dispositivo anti inquinamento, al suo stato di efficienza iniziale, ovvero come nuovo.

2 La prima cosa da fare attenzione, è assicurarsi di avere la marmitta completamente fredda, muniamoci di guanti e iniziamo; in commercio possiamo acquistare, apposite schiume chimiche che spruzzate all'interno del catalizzatore, fornito di svariate celle in relazione al tipo in adozione, vengono introdotte attraverso i fori dei sensori. Queste dobbiamo lasciarle agire per circa 15 minuti o comunque per il tempo indicato dal produttore. Risciacquiamo con abbondante acqua corrente per ultimare la pulizia.

Continua la lettura

3 Un metodo alternativo, assolutamente meno invasivo dal punto di vista meccanico, praticabile in modalità fai da te, consiste nel percorrere 60/70 km alla velocità costante di circa 90 km/h impostando una marcia inferiore rispetto alla marcia più alta di cui è dotata la vettura; ad esempio nel caso di auto con 5 marce, dobbiamo percorrere tale tragitto in quarta; viaggiando in questo regime, il catalizzatore va in auto pulizia, espellendo insieme all'acqua normalmente prodotta, anche le particelle depositatesi nel nido d'ape del nostro catalizzatore.

Come sostituire il catalizzatore della Hyundai i10 Come pulire internamente la marmitta di una moto Come sostituire il catalizzatore della Renault Scenic Come cambiare il Catalizzatore dell'auto

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli