Come regolare un ammortizzatore a gas

di Marcella Caruso tramite: O2O difficoltà: media

Gli ammortizzatori sono dei pezzi fondamentali nelle automobili, hanno infatti come scopo quello di rallentare, assorbire gli impatti, smorzare l'oscillazione della sospensione. Essi si presentano, nella maggior parte dei casi, in forma cilindrica all'interno del quale scorre un pistone. In base alla funzione ammortizzante, gli ammortizzatori possono essere a singolo effetto o a doppio effetto. I primi, vengono generalmente utilizzati sulle forcelle delle moto e svolgono la loro funzione solo in una delle due direzioni, mentre quelli a doppio effetto sono spesso presenti nelle automobili ed agiscono sia in compressione che in estinzione. Un aspetto molto importante di tali strumenti, sta nella regolarizzazione. In questa guida, illustreremo come regolare un ammortizzatore a gas.

Assicurati di avere a portata di mano: Competenza - ammortizzatori dotati di ghiera

1 Un aspetto da valutare per raggiungere lo scopo desiderato, è il rimbalzo. Il giusto valore del rimbalzo, non dovrà mai essere superiore a quello relativo all'impatto. Inoltre, le molle che vengono associate agli ammortizzatori, rivestono anche loro un ruolo importante e per tanto devono essere prese in considerazione durante la regolarizzazione. Infatti, ad ammortizzatori poco frenati andranno associate molle morbide, mentre a molle dure si associano ammortizzatori frenanti. Al fine di aumentare la stabilità del veicolo, è utile che le molle e gli ammortizzatori, siano in stretta relazione tra loro. Ricordiamo infatti che la funzione principale di ogni ammortizzatore è quella di frenare un po' la molla e la sua estensione. Alcuni ammortizzatori sono dotati di ghiere che ne consentono una rapida regolazione della compressione sia in estensione, che in compressione.

2 Per regolare gli ammortizzatori a gas, e necessario prendere in esame due fattori essenziali: il veicoli sul quale devono svolgere il loro compito e l'uso che noi intendiamo fare del mezzo. Infatti la taratura varia rispettivamente a moto, vetture o fuoristrada da competizione. Inoltre, si deve tenere conto della tipologia di terreno da affrontare, delle gomme montate, delle condizioni climatiche e del percorso da svolgere. Attraverso le apposite ghiere, si regola l'ammortizzatore avvalendosi anche di bombola a gas separata e regolazione del carico e precarico.

Continua la lettura

3 Come abbiamo già accennato, la regolazione dipende dalla vettura e dall'uso della stessa.  Per regolare il gas, dobbiamo utilizzare l'apposita ghiera, più chiudiamo la compressione più l'ammortizzatore sarà duro, mentre se lasciamo andare la compressione, avremo una vettura molto più morbida, ma dovremo considerare il terreno e garantire una una buona tenuta di strada.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Polo (clicca qui) In commercio, oggi è possibile trovare degli ammortizzatori che consentono una doppia regolazione, una per ogni verso, questi modelli sono ottimizzati sia per le basse velocità, che per quelle sostenute.  Se si ci investe in una buca, la vettura manterrà un assetto ottimale, considerate che il costruttore tara l'ammortizzatore in misura standard, sarete voi che in relazione all'uso che fate del veicolo, decidere di stringere o allentare la ghiera,.

Come cambiare gli ammortizzatori della Ford Focus Guidare una macchina è divertente e bello, ma meno bello è ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Ford Fiesta Avere un'automobile efficiente e sicura è il primario interesse di ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori a una Tiguan Gli ammortizzatori, si sa, costuitiscono per qualsiasi veicolo a motore una ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Passat Gli ammortizzatori sono componenti fondamentali delle automobili e con il passare ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.