Come regolare un carburatore in 10 passi

di M. G. tramite: O2O

La manutenzione di una vettura è fondamentale per garantirne, non solo il corretto funzionamento, ma anche, e soprattutto, una buona longevità. E il carburatore, è un componente molto importante dei motori a combustione interna ed accensione comandata. Presente prevalentemente nei motocicli, e in parte minore nelle automobili, si tratta del principale elemento di quell'organo meccanico, che costituisce il sistema di alimentazione del motore di una vettura. Ma qual è il suo scopo? In sintesi il suo scopo è proprio quello di bilanciare correttamente le quantità di aria e di carburante liquido "nebulizzato", ovvero di quella miscela, che immettendosi nella camera a combustione del motore, permetterà alla vettura di accelerare. È ovvio che, se il dosaggio di immissione di aria e di benzina non è equilibrato, oltre alle inevitabili conseguenze funzionali, bisogna considerare i possibili danni al motore, costretto a girare in modo poco fluido. Posta l'essenzialità della sua funzione, andiamo a vedere come regolare un carburatore auto, di base, in soli 10 passi.

1 Procuratevi preliminarmente tutto ciò che vi serve Non sono necessari attrezzi particolari. Bastano: una chiave, un cacciavite, un vacuometro (strumento che serve, appunto, a regolare la pressione dei fluidi), e della carta assorbente (perché vi sporcherete). E siccome si stanno maneggiando componenti a diretto contatto con il liquido combustibile, sarebbe opportuno tenere vicino a sé un estintore, da usare in caso di emergenza.

2 Spegnete il motore e aprite il cofano dell'auto Molto probabilmente il carburatore sarà celato al di sotto del filtro d'aria, per trovarlo aiutatevi con il manuale della vostra auto, in modo da localizzarlo velocemente. La sua posizione potrebbe infatti variare in base al modello della vettura.

Continua la lettura

3 Trovate e rimuovete il filtro dell'aria Svitate gli elementi di fissaggio del filtro dell'aria (si tratterà presumibilmente di dadi a farfalla), aiutatevi con una chiave dall'estremità aperta, e infine rimuovetelo dal suo alloggiamento.  Dovreste finalmente aver accesso al carburatore.

4 Cercate le due viti di regolazione sulla parte frontale del carburatore Il carburatore possiede due viti di regolazione. La prima, regola l'immissione dell'aria all'interno della camera a combustione, la seconda, invece, dosa l'introduzione della benzina. Una volta trovate, armatevi di cacciavite, e passate allo step successivo.

5 Mettete in moto il motore e fatelo scaldare per un quarto d'ora Per capire quando il motore è caldo al punto giusto, controllate l'indicatore della temperatura della vostra auto. La temperatura da raggiungere, deve corrispondere a quella di regime (cioè corrispondente a quella di normale funzionamento del veicolo), oppure attendete 10-15 minuti.

6 Ruotate le viti di regolazione in senso orario Con il cacciavite, ruotate entrambe le viti in senso orario, fino a chiuderle del tutto. Questo vi consentirà di mantenere il motore in stallo. Non serratele troppo però, assicuratevene effettuando una mezza rotazione delle viti, in senso antiorario.

7 Prendete il vacuometro Rimuovete il tubo di aspirazione in gomma dal carburatore. Al suo posto, agganciatevi il vacuometro che, come anticipato, è lo strumento che vi consentirà di effettuare la taratura della vostra vettura, in modo sicuro e preciso. Inoltre, per i più pignoli, è consigliabile associare la procedura di regolazione dell viti del carburatore, alla graduazione del minimo e del massimo regime. Si tratta anche in questo caso di una vite, rintracciabile consultando il manuale della propria auto, che va avvitata per aumentare il regime del minimo, e svitata per diminuirlo. Ma torniamo, ora, alla procedura di regolazione della miscela di aria e benzina.

8 Iniziate a regolare le viti La regolazione ideale del carburatore di una vettura, è di circa 600-650 giri al minuto. Perciò cominciate a girare le due viti contemporaneamente, in senso antiorario, aiutandovi sempre con il cacciavite, fino a quando non risultano collocate nella posizione ottimale, indicata dal vacuometro (600 giri circa per l'appunto).

9 Se non disponete di un vacuometro fidatevi dei vostri sensi Regolare il carburatore è, in questo caso, simile ad accordare uno strumento. Ruotate insieme le due viti in senso antiorario, e poi di nuovo orario, in base alla percezione di equilibrio che il motore vi suggerisce. Solitamente, quando premendo l'acceleratore, i "battiti" emessi dal motore risultano elevati, è necessario fornire più benzina al carburatore, ruotando le viti in senso antiorario. Quando, invece, sentirete un forte odore di benzina, significherà che il motore gira in modo troppo "grasso", e che bisogna diminuire l'immissione di carburante, ruotando la vite in senso orario. Il tutto si basa sulla vostra abilità personale. Se non siete sicuri, potete sempre ricorrere all'uso di un vacuometro.

10 Spegnete il motore e risistemate tutti gli elementi al proprio posto Se avete usato il vacuometro, estraetelo dalla porta del carburatore, e rimettete il tubo di aspirazione in gomma al suo posto. Riposizionate il filtro d'aria nella sua collocazione, e fissatelo nuovamente, usando la chiave. Chiudete il cofano e ripulitevi. Avete terminato, ora il vostro carburatore è perfettamente regolato, e il motore della vostra vettura girerà in modo di nuovo fluido.

Come Pulire il Carburatore della moto Le automobili e le moto, sono degli utilissimi mezzi che ci ... continua » Come cambiare il carburatore della moto Le moto sono dei veicoli a due ruote che montano diverse ... continua » Come carburare bene un motorino Chi possiede un motorino conosce tutti i più grandi vantaggi che ... continua » Come cambiare il carburatore dell'auto Questa guida è rivolta agli amanti del fai da te, possessori ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.