Come richiedere la nuova targa per i ciclomotori

di Irene Romeo tramite: O2O difficoltà: media

Leggeri e per nulla ingombranti i ciclomotori sono ideali per affrontare il traffico cittadino. Secondo le nuove normative di legge, non devono superare i 50 centimetri cubici di cilindrata. Inoltre, non devono sviluppare una velocità superiore ai 40 chilometri orari. Per portare questi mezzi ti gioveranno il patentino come un'assicurazione del veicolo. Inoltre, un regolare certificato di circolazione e della targa. Mancando uno solo di questi elementi, si incorre in sanzioni fiscali molto alte. Pertanto, se possiedi un ciclomotore verificane i documenti. Portali sempre con te. Se la targa è poco leggibile oppure hai un vecchio ciclomotore, regolarizza la tua posizione. Dovrai immatricolare nuovamente il veicolo e richiedere una nuova targa. La procedura non è difficoltosa, ma richiede qualche passaggio importante. .

Assicurati di avere a portata di mano: Modulo TT2118 Versamento 9 euro sul c/c n° 9001 intestato a: Dipartimento Trasporti Terrestri - Diritti - Roma - (per i diritti alla Motorizzazione Civile) versamento di 29,24 euro sul c/c n° 4028 intestato a: Dipartimento dei Trasporti Terrestri - imposta di bollo - Roma - (per l'imposta di bollo per la reimmatricolazione) versamento di 12,92 euro su c/c n° 121012 intestato: Sezione Tesoreria dello Stato di Viterbo - (per l'acquisto delle targhe del veicolo)

1 Prima del 2006, i ciclomotori presentavano una targa alfanumerica di solo 5 cifre. Dopo il luglio del 2006, hanno un carattere alfanumerico in più. Queste targhe risultano comunque registrate alla Motorizzazione civile. Nel certificato di circolazione si trovano diversi dati. Tra questi, il proprietario del ciclomotore, le caratteristiche del veicolo, l'omologazione e la tara. Per regolarizzare la posizione del tuo vecchio ciclomotore, dovrai richiedere una nuova targa.

2 Dovrai richiedere la nuova targa alla Motorizzazione, lo stesso organo per segnalare furti o la distruzione delle vecchie targhe. Se sei minorenne, un tutore oppure un genitore si occuperà della reimmatricolazione. In tal caso, oltre alla domanda, dovrà presentare un qualsiasi documento d'identità. Ma veniamo nel dettaglio. Per richiedere la nuova targa, recati all'Ufficio della Motorizzazione. Ti consegneranno un modulo da compilare in tutte le sue parti, il modello TT2118. In alternativa, potrai scaricarlo anche da qui.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Al modulo, allega un versamento di 9 euro, intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri - Diritti - Roma.  Un ulteriore versamento di 29,24 euro per le imposte di bollo.  Approfondimento Come reimmatricolare un'autovettura a seguito del deterioramento della targa (clicca qui) Un ultimo di 12,92 per l'acquisto della nuova targa.  Dovrai aggiungere il certificato di idoneità tecnica ed il documento di circolazione.  Riceverai la nuova targa ed un tagliando adesivo da applicare alla carta di circolazione.  Successivamente, aggiorna la polizza assicurativa.  Recati presso la tua assicurazione di fiducia e comunica le variazioni.  Se non sei conforme alle disposizioni di legge, avrai sanzioni molto alte.

Non dimenticare mai: Per qualsiasi dubbio o perplessità rivolgiti al personale della Motorizzazione Alcuni link che potrebbero esserti utili: Nuova targa per i ciclomotori: ecco che cosa fare

Come cambiare il targhino nel ciclomotore Il cambio della targa è diventato ormai obbligatorio. Nello specifico, le ... continua » Come reimmatricolare una moto Capita spesso di imbattersi in vendite di moto prive di documenti ... continua » Come immatricolare una moto senza libretto All'interno di questa guida, andremo a occuparci di moto. Nello ... continua » Come ottenere la targa provvisoria La targa provvisoria è uno strumento necessario per consentire a un ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.