Come riconoscere una frizione bruciata

di Nicola S. tramite: O2O difficoltà: media

La frizione permette ai nostri mezzi di funzionare. La frizione permette l'innesto tra il moto di due alberi. La frizione funziona in modo opposto a quello dei freni di un'auto. Insomma è un meccanismo che permette ai nostri mezzi di locomozione a motore di funzionare correttamente. Esistono svariati modelli e diversi tipi di frizione. In questa guida più che il funzionamento ci occuperemo della sua usura. In particolare vedremo come riconoscere una frizione bruciata. Daremo utili consigli e accorgimenti per capire al meglio come riconoscere una frizione bruciata. Forniremo piccoli trucchi e le accortezze da tenere.

Assicurati di avere a portata di mano: una buna dimistichezza con il mezzo

1 La frizione si brucia in svariati momenti. Il primo è un eccessivo utilizzo del veicolo. Ad esempio se l'auto resta impantanata in fango o neve. Infatti in questa occasione tendiamo a mettere a dura prova la frizione. Inoltre può bruciare per un utilizzo sbagliato. Soprattutto quando non utilizziamo questo meccanismo con delicatezza. Infine bisogna considerare che le frizioni di ultima generazione sono molto delicate. Infatti la frizione prima presentava amianto all'interno del disco. L'amianto forniva molta resistenza e rendeva la frizione più difficile da bruciare.

2 La prima cosa che ci fa riconoscere una frizione bruciata è l'odore. Infatti quando una frizione si brucia emana un odore molto sgradevole e forte. L'odore si sente ed è riconoscibile anche a veicolo spento. Se sentiamo un leggero odore, evitiamo di sforzare ancora la frizione. Rechiamoci direttamente dal nostro meccanico di fiducia. In questo modo evitiamo di bruciare la frizione completamente e rendere inutilizzabile il mezzo di locomozione.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Un'altra cosa che può farci riconoscere una frizione bruciata e lo slittamento.  Infatti la frizione bruciata anche ad alte velocità fa slittare le ruote del veicolo.  Approfondimento Come riconoscere alcuni guasti alla frizione dell'auto (clicca qui) Guidare in queste circostanze è molto pericoloso.
Altra situazione che ci fa riconoscere una frizione bruciata è il cattivo inserimento delle marce.  In questo caso facciamo molta difficoltà ad inserire le marce al nostro mezzo.  Infatti nel movimento sentiamo grattare il cambio.  Nei casi più estremi non riusciamo nemmeno ad inserire una marcia.

4 Diversa situazione è la frizione consumata. Una frizione consumata a differenza di quella bruciata permette il funzionamento del veicolo. In questa situazione la frizione non funziona in modo adeguato. Una frizione consumata si riconosce dal fatto che nel gergo stacca prima o tardi. Se avete questa situazione recatevi subito in un'officina per evitare di bruciare la frizione.

Non dimenticare mai: Appena sentito un odore acre, spegnete il vostro mezzo. In questo modo evitate di compromettere il cambio o la trasmissione. Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.motorimagazine.it/riconoscere-frizione-bruciata/

Consigli per regolare il cavo della frizione La frizione, come tutti gli automobilisti ben sapranno, è quello strumento ... continua » Come capire se la frizione è in buono stato Se siamo proprietari di un'automobile, ci sarà sicuramente capitato di ... continua » Manutenzione: come riparare la leva della frizione dell'auto La frizione è l'organo che permette di "staccare" il motore ... continua » Come sostituire la frizione alla Ford Fiesta Quando riconoscete di avere problemi con l'auto, la prima cosa ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.