Come ritargare un ciclomotore usato

di Vittorio Liotta tramite: O2O difficoltà: media

Un ciclomotore si può guidare dai 14 anni di età in su, dopo avere conseguito la Patente di tipo "AM". Il ciclomotore è un motociclo di piccola cilindrata. La registrazione al P. R. A. (Pubblico Registro Automobilistico) non è necessaria, dal momento che i ciclomotori non vengono considerati beni mobili registrati, quindi non hanno il Certificato di Proprietà. La targa del ciclomotore, se c'è di mezzo una compravendita, non segue il mezzo, ma soltanto il proprietario. Quindi colui che acquista il motociclo usato, viene obbligato a ritargare lo stesso. In questo articolo vedremo, pertanto, come poter procedere.

Assicurati di avere a portata di mano: Carta d'identità Codice fiscale Patente Ciclomotore

1 Scegliete il ciclomotore Nella categoria dei ciclomotori fanno parte questi mezzi: i tricicli leggeri, gli scooter, le moto fino a 50 cm³ di cilindrata, ed i quadricicli leggeri. Questi ultimi sono le cosiddette microcar a due posti, aventi una cilindrata massima di 500 cm³. I ciclomotori possono circolare sulle strade cittadine. A loro viene vietata la circolazione sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali. Il numero di posti accessibili è di due persone. Come ritargare un ciclomotore usato quindi diventa semplice.

2 Immatricolate il veicolo Per circolare in maniera regolare, il ciclomotore deve possedere l'assicurazione, il bollo ed una targa composta da sei cifre. Ricordiamo che i modelli immatricolati fino al 1° luglio 2006 avevano una targa composta da cinque cifre. Se si dovesse procedere all'acquisto di un ciclomotore usato, occorrerà farsi dare dal venditore il "Certificato di Idoneità tecnica" del veicolo, insieme alla richiesta di sospensione dei ciclomotore per il passaggio della proprietà. Successivamente, si potrà procedere con la regolare immatricolazione, per disporre di una nuova targa. Infatti, la precedente targa rimarrà al vecchio possessore, nonché ex proprietario.

Continua la lettura

3 Effettuate la richiesta Infine, per richiedere la nuova targa, bisogna presentare il modulo di richiesta alla motorizzazione.  Il modello in questione viene nominato con la sigla "TT 2118".  Approfondimento Come richiedere la nuova targa per i ciclomotori (clicca qui) Con questo modello unico riuscirete a sostituire la targa.  Ma attenzione, solo questo modello non basta.  Dovrete infatti presentare altra documentazione da preparare prima.  Quindi dovrete avere con voi anche carta d'identità, codice fiscale e la patente.  Quest'ultima si rivela essenziale in fase di sostituzione della targa.  Poiché dimostra che voi siete in grado di portare quel determinato veicolo.  Proprio quel ciclomotore da ritargare.  Per l'appunto dovrete perfino portare il numero d'immatricolazione del ciclomotore.  Infine, ricordate sempre di consegnare le fotocopie dei documenti in duplice copia.

Come reimmatricolare una moto Capita spesso di imbattersi in vendite di moto prive di documenti ... continua » Come cambiare il targhino nel ciclomotore Il cambio della targa è diventato ormai obbligatorio. Nello specifico, le ... continua » Come immatricolare una moto senza libretto All'interno di questa guida, andremo a occuparci di moto. Nello ... continua » Come calcolare il bollo moto Se siamo possessori di un veicolo a motore, sicuramente sapremo che ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.