Come rottamare un cinquantino

di Raffaele Sarnataro tramite: O2O difficoltà: facile

Siete in possesso di un vecchio cinquantino in garage ma non riuscite a venderlo? In alcuni casi, il mezzo può non servirvi, nessuno può utilizzarlo e occupa uno spazio eccessivo. A quel punto, potete soltanto scegliere di rottamarlo. Come si effettua un'operazione di questo genere? È un'operazione semplice? Occorre molto denaro? Prima di tutto, per rottamare un cinquantino bisogna rivolgersi ad un demolitore di fiducia. Si tratta di una procedura che non nasconde molte difficoltà e ha un prezzo molto contenuto. Scoprite come rottamare un cinquantino in questa breve e semplice guida.

Assicurati di avere a portata di mano: certificato di proprietà, libretto di circolazione e targa

1 Per rottamare un cinquantino, dovete prima di tutti cercare il vostro demolitore. Non è un'impresa impossibile, dato che ogni città ne possiede almeno uno. Potete contattarlo con una semplice telefonata. Prendete appuntamento con lui in base ai vostri e ai suoi impegni. Non portate soltanto il motorino, non vi basterà. Per andare avanti con la demolizione, dovete avere una serie di documenti. Tutte le operazioni servono per dimostrare che il motorino è di vostra proprietà, evitando eventuali truffe.

2 Quali documenti bisogna esibire per rottamare un cinquantino? Sono indispensabili il certificato di proprietà, il libretto di circolazione e la targa del motorino. Quest'ultima risulta fondamentale perché consente di risalire all'identità del mezzo. Di conseguenza, anche se si stacca, dovete consegnarla al demolitore. Quando tutta la documentazione è nelle mani del demolitore, avete già terminato il vostro compito. Cosa succede quando avete smesso di rottamare un cinquantino? Il demolitore distruggerà fisicamente il mezzo e comunicherà l'avvenuta demolizione al P. R. A., acronimo di Pubblico Registro Automobilistico. Avrete sempre la prova della demolizione del motorino perché riceverete un certificato che attesterà il tutto.

Continua la lettura

3 Quanto costa rottamare un cinquantino? Il prezzo si determina in base alla cilindrata del veicolo a due ruote.  Se fate demolire un 50, pagherete circa 30 euro per il conseguente riutilizzo del mezzo.  Approfondimento Come rottamare uno scooter (clicca qui) Secondo alcuni, la rimozione della targa e l'abbandono del motorino per strada costituisce un risparmio.  Questi sono consigli totalmente errati.  Si tratta di un reato punibile a termini di legge e di una pratica non civile.  Se autorità risalgono al proprietario tramite qualsiasi sistema, dovete pagare alcune multe.  Per questo motivo, tale espediente è fortemente sconsigliabile.  Con la semplice rottamazione, pagherete 30 euro ben spesi.  Vi basterà seguire il normale percorso relativo a questa operazione, senza avere guai con nessuno e comportandovi in maniera civile.  Non dovrete sostenere spese aggiuntive di assicurazione o di bollo.  Inoltre, nel vostro garage avrete uno spazio maggiore.  Essere in regola è sempre la scelta migliore.  Ecco quindi come rottamare un cinquantino.

Come rottamare una moto Rottamare una moto è una decisione da prendere quando si è ... continua » Demolizione moto: modalità Se la vostra moto è ormai giunta al capolinea, per senilità ... continua » Come demolire un caravan Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo mezzi di trasporto ... continua » Come demolire un veicolo al Pra Se si vuole demolire un veicolo bisogna consegnarlo ad un centro ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come valutare un motorino

Se vi siete rivolti a un concessionario per comprare un motorino, ricordate sempre che egli deve provvedere a fornirvi una copertura del veicolo con una ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.