Come scaldare il motore della moto

di Bibi 28 tramite: O2O difficoltà: facile

Con l'arrivo della primavera, ha inizio anche la stagione motociclistica. È arrivato il momento di tirare fuori la moto dal garage. Contemporaneamente incominciamo a pensare a come trattare nel miglior modo possibile la nostra moto. Tra pulizia, cambio olio ed attenzione alle gomme, la parte più importante è il trattamento che riserviamo al motore. Partire con il motore freddo può provocare grossi danni alla nostra moto. Anche un riscaldamento prolungato può essere deleterio. Questa guida si propone di spiegare come scaldare il motore della nostra moto nel modo migliore per la sua corretta manutenzione.

1 Prima di tutto occorre sfatare un mito. Riscaldare il motore della moto a bassi giri da ferma è inutile e a volte deleterio. Il motore non si scalda in modo omogeneo. Possono crearsi degli attriti al suo interno a causa della dilatazione termica di elementi che si scaldano più velocemente. Perciò è assolutamente da evitare di tenere acceso il motore della moto a bassi giri per parecchi minuti.

2 Partire a motore freddo è anche peggio. Una forte accelerazione subito dopo aver acceso il motore può produrre vari danni. Il motore puó usurarsi più velocemente e possono esserci dei grippaggi. Infatti i giochi di accoppiamento quando il motore è freddo non sono ottimali. Si ha una dilatazione termica non omogenea che porta attriti eccessivi.

Continua la lettura

3 Incominciamo a riscaldare il motore della moto Per prima cosa accendiamo il motore.  Manteniamolo con i giri al minimo.  Approfondimento 10 consigli per la pulizia della moto (clicca qui) Questo passaggio non deve durare più di quindici - trenta secondi.  In questo modo si permette al l'olio di entrare in circolo.  Inoltre non si provoca il surriscaldamento di alcune parti del motore.

4 Quindi dopo aver lasciato per pochi secondi il motore al minimo, possiamo partire. Manteniamo i giri del motore bassi non superando mai un quarto del regime massimo. Occorre privilegiare rapporti lunghi e velocità basse. Intanto l'olio avrà raggiunto la propria temperatura ottimale. Entrando in circolo potrà riscaldare ogni parte del propulsore in maniera omogenea. Anche la frizione, lavorando, raggiungerà in breve tempo la propria temperatura ideale.

5 Il concetto è semplice. Per riscaldare il motore della moto senza rovinarlo occorre prestare attenzione durante i primi minuti di utilizzo. Infatti, dopo circa cinque minuti, il motore raggiungerà già la propria temperatura ideale. L'importante è mantenere giri bassi, rapporti lunghi e basse velocità. Questo è il metodo più veloce e sicuro per riscaldare il motore e partire con la nostra moto senza paura di arrecarle dei danni.

Consigli per non cadere dalla moto È molto bello girare in moto, specialmente durante la stagione estiva ... continua » Come riconoscere un guasto al motore della moto Il motore di una moto è come il suo cervello, il ... continua » Come mettere in moto la macchina senza chiavi Avere la necessità di mettere in moto la macchina senza l ... continua » Come controllare il livello del refrigerante della moto Il refrigerante, altrimenti conosciuto come liquido di raffreddamento, è uno dei ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Moto: come usare il cambio

Con il diffondersi dei cosiddetti "scooteroni", le persone che si sono avvicinate al mondo delle due ruote, sono sempre di più. I veri centauri però ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.