Come sostituire gli ammortizzatori a una Skoda Fabia

di Salvatore Corcione tramite: O2O difficoltà: media

Ogni automobile dopo che sono stati percorsi un bel po' di chilometri necessita della sostituzione degli ammortizzatori. Normalmente ci affidiamo ad un'officina meccanica per effettuare questa operazione di manutenzione senza sapere che si tratta di un'operazione decisamente semplice ma che comunque richiede l'utilizzo di alcuni attrezzi specifici e una minima conoscenza di meccanica. La seguente guida illustra come sostituire senza compiere errori gli ammortizzatori a una Skoda Fabia.

1 Le operazioni per gli ammortizzatori posteriori L'operazione di sostituzione deve iniziare dagli ammortizzatori posteriori. Bisogna alzare l'automobile utilizzando l'apposito crick in dotazione e metterla in sicurezza posizionando un supporto di metallo da posizionare sotto il telaio. A questopunto, smontiamo la ruota con un'apposita chiave e togliamola dalla sua collocazione. Al termine di questa fase saremo in grado di vedere perfettamente l'ammortizzatore. Il passo successivo consiste nello staccare l'ammortizzatore dal braccetto, svitando il relativo bullone. Effettuata questa operazione, aprite il bagagliaio e alzate la moquette, questo perché renderemo visibili i bulloni che tengono fermo l'ammortizzatore alla scocca. Per smontare totalmente l'ammortizzatore, utiizzando l'apposita chiave, terremo fermo il perno centrale e con un altra smoneremo il dado attorno ad esso.

2 Lo smontaggio degli ammortizzatori anteriori A differenza degli ammortizzatori posteriori, quellli anteriori montano la molla intorno all'ammortizzatore. Sul braccetto anteriore sarà necessario smontare 2 bulloni da svitare anzichè 1 come in quelli posteriori, mentre la bulloneria rimanente sarà localizzata nel cofano anteriore. In questo caso, bisognerà svitare i bulloni circostanti e non il perno centrale, così da poter lavorare meglio quando avremo rimosso l'ammortizzatore. È importante anche prelevare la molla che dovrà essere posizionata sul nuovo ammortizzatore.

Continua la lettura

3 Il montaggio dei nuovi ammortizzatori Tramite uno smontamolle, effettuate un bloccaggio e stringete con una chiave.  Svitate poi il bullone posto in alto, tenendo fermo il perno centrale così come avete fatto per l'ammortizzatore posteriore.  Approfondimento Come cambiare gli ammortizzatori della Fiat Punto Evo (clicca qui) Tolto il cappellotto, potete estrarre la molla.  Inseritela nell'altro ammortizzatore.  Reinserite il cappellotto e il bullone.  Fate molta attenzione a non far scappare nulla poiché un eventuale contraccolpo generato dall'espansione, potrebbe generare una tale forza di spinta da far partire lo smontamolle o l'ammortizzatore stesso, creando gravissimi e irreparabili danni a cose e persone.  Quando finalmente avrete finito, rimontare l'ammortizzatore.  Completate accuratamente tutte le operazioni ora descritte, dovrete necessariamente andare da un gommista per far controllare la possibilità dell'esistenza di un'errata convergenza.

Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Clio Gli ammortizzatori in un auto sono molto importanti e quando risultano ... continua » Manutenzione: Come riparare le sospensioni della moto Che cosa sono le sospensioni di una moto? Si tratta di ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori alla Citroen Saxo Gli ammortizzatori sono di fondamentale importanza per far sì che un ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori a una Tiguan Gli ammortizzatori, si sa, costuitiscono per qualsiasi veicolo a motore una ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.