Come sostituire gli ammortizzatori a una Tiguan

di Silvia R. tramite: O2O difficoltà: media

Gli ammortizzatori, si sa, costuitiscono per qualsiasi veicolo a motore una componente essenziale ed è fondamentale, per la corretta tenuta di strada, mantenerli costantemente in "buona salute" e, qualora non siano più efficienti, ricorrere a vari "correttivi" come un intervento di sostituzione tempestivo. Sostituire gli ammortizzatori di una Tiguan in apparenza potrà sembrare difficile ma in realtà non lo è; ciò che conta è seguire passo dopo passo le indicazioni contenuta nelle presente guida. Prima di cominciare con i diversi passaggi sarà necessario munirsi di alcuni attrezzi essenziali: una chiave inglese ad S ed un cric.

Assicurati di avere a portata di mano: cric chiave inglese a S

1 Per prima cosa iniziate a smontare gli ammortizzatori posteriori e, aiutandovi con un cric, cominciate a sollevare la macchina; per facilitare le operazioni ed accrescere il vostro livello di sicurezza potrete munirvi di un cavalletto a tre piedi. In seguito iniziate a togliere la ruota aiutandovi con la chiave in dotazione che ognuno di voi dovrebbe possedere; nel caso in cui doveste incontrare difficoltà, ad esempio la presenza di bulloni troppo duri, è consigliabile "forzarli" con i piedi esercitando dei colpi secchi sulla ruota.

2 Effettuata questa procedura, vedrete davanti a voi l'ammortizzatore e dovrete cercare di svitare il bullone, anche se non completamente. Ora sotto la moquette della vostra auto, naturalmente nella parte posteriore, dovrete cercate l'attacco superiore dell'ammortizzatore e, una volta trovato, sganciarlo piano piano aiutandovi con la chiave inglese ad S. Terminata anche questa operazione potrete finalmente il vostro componente e sostituirlo con quello nuovo rimontando di conseguenza anche la ruota.

Continua la lettura

3 Questa prima procedura riguarda il montaggio degli ammortizzatori posteriori mentre, per quanto concerne quelli anteriori, la manutenzione sarà pressoché edentica; l'unica differenza è rappresentata dal numero dei bulloni poiché in questo secondo caso i bulloni da svitare saranno due e non solo uno.  Per arrivare all'attacco superiore degli ammortizzatori anteriori dovrete poi alzare il cofano anteriore della macchina poiché essi sono collocati proprio in questo punto.

4 Una volta individuato il punto preciso e sostituito il componente, il rimontaggio sarà un po' più complicato. Per chiudersi bene l'ammortizzatore dovrà essere collocato in maniera dritta e dovrete stare attenti a non sganciarlo; il perno, inoltre, dovrà inserirsi nella varie boccole, sempre in posizione perfettamente dritta. Ciò consentirà di riavvitare nuovamente il bullone in modo da chiudere l'ammortizzatore senza intoppi; eseguito questo "step" i passaggi successivi saranno identici a quanto già specificato per gli ammortizzatori posteriori.
Una cosa essenziale da non trascurare mai sono i perni poiché essi devono essere avvitati perfettamente per consentire una perfetta tenuta e durata nel tempo dell'ammortizzatore stesso.

Non dimenticare mai: Verificate periodicamente lo stato di usura dei vostri ammortizzatori

Come cambiare gli ammortizzatori della Renault Clio Ecco una guida su come fare per cambiare gli ammortizzatori della ... continua » Come sostituire gli ammortizzatori a una Skoda Fabia La vostra automobile, una Skoda Fabia, negli ultimi tempi vi ha ... continua » Manutenzione: Come riparare gli ammortizzatori dell'auto Quando gli pneumatici della nostra auto non mantengono bene il contatto ... continua » Come cambiare gli ammortizzatori della Passat In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.