Come sostituire il liquido radiatore dell'auto

di Chiara Affinito tramite: O2O difficoltà: facile

Con la stagione invernale può capitare di incorrere in gravi problemi per quanto riguarda il raffreddamento del motore. Questo accade perché durante l'inverno le temperature possono scendere sotto i 0 gradi centigradi, e con queste temperature l'acqua del radiatore, che viene utilizzata per il raffreddamento, va incontro a congelamento. Per evitare che questo avvenga, con tutti i conseguenti danni alla nostra auto, si deve utilizzare il liquido refrigerante. Quest'ultimo, però, necessita di essere sostituito periodicamente per non imbattersi in brutti inconvenienti. Questa operazione può essere compiuta da tutti, basta seguire il procedimento corretto. Nei passaggi successivi ci occuperemo proprio ci capire come procedere per sostituire il liquido radiatore dell'auto.

Assicurati di avere a portata di mano: liquido refrigerante contenitore per vecchio liquido

1 Come prima cosa da fare ci si deve procurare il liquido di raffreddamento del radiatore. È possibile acquistarlo presso i distributori automatici presenti negli autolavaggi, supermercati o nei negozi di autoricambi. Una volta fatto questo, bisogna spegnere il motore dell'auto e aspettare che si raffreddi in maniera tale da evitare ustioni. Ricordiamoci, comunque, che l'auto deve essere posta su un suolo pianeggiante. Adesso apriamo il cofano dell'auto e andiamo a svitare il tappo del radiatore facendo molta attenzione che non sia ancora caldo e sotto pressione, altrimenti si può correre il rischio di ustioni da liquido bollente.

2 A questo punto bisogna cercare di svitare la vite posta alla base del radiatore e, di conseguenza, sarà necessario lasciare fuoriuscire tutto il liquido presente, avendo cura di farlo defluire in un recipiente. Appena il vecchio liquido sarà completamente uscito dal circuito, bisognerà riposizionare il tappo al suo posto e andare a versare il nuovo liquido all'interno del radiatore. La quantità ottimale di liquido da versare nella vaschetta viene indicata sul libretto di uso e manutenzione dell'auto.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Mentre si versa il liquido del radiatore, bisogna tenere premuto il tubo che porta l'acqua nel motore, in modo tale da evitare la possibilità della formazione di bolle d'aria.  Appena si sentirà che il tubo è pieno, bisogna fermarsi nel versare il liquido e aprire la valvola di sfiato posta nella parte inferiore del radiatore.  Approfondimento Come sostituire il radiatore della Seat Ibiza (clicca qui) Appena comincia a fuoriuscire l'acqua bisognerà chiudere la valvola di sfiato.  A questo punto accendiamo l'auto e aspettiamo che il liquido vada in circolo.  Una volta accesa l'auto bisognerà attendere il riscaldamento del motore e l'accensione della ventola, che avverrà una volta che la temperatura del liquido sarà arrivata a circa 90 gradi centigradi.  Infine bisognerà controllare che, una volta entrata in funzione la ventola, la temperatura si abbassi ed ecco fatto: adesso potrete viaggiare con il vostro veicolo anche con le basse temperature invernali, senza correre il rischio di imbattervi in spiacevoli sorprese.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Sostituzione liquido di rappreddamento Cambiare il liquido del radiatore

Come spurgare il radiatore della Volvo 850 Quando possiedi una Volvo 850 da molto tempo, prima o poi ... continua » Come cambiare il radiatore dell'auto Il radiatore dell'auto è costituito da diverse parti, che hanno ... continua » Come sostituire il radiatore alla Suzuki Celerio Nel variegato panorama delle citycar, la Suzuki Celerio occupa di certo ... continua » Come sostituire il radiatore della Volkswagen Passat La Volkswagen Passat è, assieme alla Golf, una delle vetture della ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.