Come sostituire il radiatore della Nissan Micra

di G. M. tramite: O2O difficoltà: media

Il radiatore è una parte molto importante della macchina, in quanto caratterizza il raffreddamento a liquido, cioè tende a mantenere la temperatura sempre uguale in un preciso intervallo di tempo. Essendo un circuito chiuso, è costituito da un serbatoio che incamera il liquido e lo fa raffreddare. Il procedimento avviene tramite la griglia che consente l’entrata di aria dall’esterno, così da far abbassare il più velocemente possibile la temperatura. In questo tutorial vi spiegheremo come sostituire il radiatore di una Nissan Micra.  

Assicurati di avere a portata di mano: Cacciavite Chiave inglese Pinza Vaschetta di raccoglimento Radiatore Liquido di raffreddamento

1 Prima di iniziare assicuratevi che la macchina sia posta su un piano e che il motore sia assolutamente freddo, altrimenti potreste incorrere a ustioni molto serie. Quindi staccate la batteria della macchina. Troverete il radiatore nella parte anteriore del cofano, allentate la valvola in modo da svuotare l’impianto, utilizzando la vaschetta per raccogliere il liquido. Rimuovete, quindi, il termostato e il tubo, che si trova nella parte superiore, allentando i morsetti che lo tengono fermo. Nel manicotto superiore del radiatore, troverete delle viti che andranno accuratamente tolte, così da allentare la ventola per il raffreddamento. Eliminate le fascette e levate il tubo.

2 Troverete, ai lati del radiatore, dei bulloni che lo tengono fermo e, nella parte inferiore, dei supporti in gomma, che impediscono danneggiamenti. Rimuovete i bulloni, utilizzando la chiave inglese e, con molta delicatezza, alzate il radiatore, stando attenti, perché le griglie sono molto taglienti. Ora bisogna rimontare quello nuovo. Ricordatevi che deve essere dello stesso modello del precedente o, almeno, assicuratevi che sia compatibile con la vostra Micra. Inoltre dovrete maneggiarlo con estrema cura, perché le griglie sono molto delicate e tendono a piegarsi.

Continua la lettura

3 Quindi sistemate tutti i tubi che avete tolto dal vecchio, sostituendo quelli che vi possano sembrare danneggiati, e posizionate il nuovo radiatore.  Collegate la valvola e tutti i tubi, cercando di ricordarvi bene come erano messi in precedenza, anche un piccolo errore vi potrebbe obbligare a iniziare nuovamente tutto da capo.  Approfondimento Come sostituire il radiatore di riscaldamento della Punto (clicca qui) Ora non resta che riempire il radiatore del liquido di raffreddamento, aprendo la valvola posta al di sopra e facendolo arrivare fin quasi all’orlo.  Accendete la macchina e fate entrare il liquido nel motore, rimpinzando il radiatore fino a che non arriverà ai giusti livelli.

Non dimenticare mai: Il lavoro va svolto con la macchina assolutamente fredda Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come spurgare il radiatore della Nissan Micra LX Manutenzione: Come riparare il radiatore

Come cambiare il radiatore della Nissan Qashqai Il radiatore è un componente fondamentale di qualsiasi automobile, con motore ... continua » Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf Quando si parla di "spurgo" del radiatore, si parla di come ... continua » Come spurgare il radiatore della Nissan Micra LX Nel testo sottostante vi spiegherò come spurgare il radiatore della Nissan ... continua » Come sostituire il radiatore alla Renault Megane La Megane è una vettura prodotta dalla casa automobilistica Renault. Questa ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.