Come sostituire il radiatore di riscaldamento della Punto

di Scenk Traguri tramite: O2O difficoltà: media

Il radiatore di riscaldamento della punto, si trova nella parte anteriore del veicolo sotto il cofano. Il motore crea calore dovuto dalla combustione interna che avviene costantemente all'interno del motore stesso; questo calore viene trasferito al liquido di raffreddamento e poi circolato attraverso il termostato e infine al radiatore. I radiatori sono per lo più costituiti da due serbatoi in plastica e anima in alluminio. All'interno del radiatore ci sono molti piccoli tubi con alette di raffreddamento allegate che permettono al refrigerante di essere raffreddato e poi restituito al motore in un ciclo continuo. Nei passi che seguono vediamo come sostituire il motore di riscaldamento della punto. Quando un radiatore presenta delle perdite, può causare il surriscaldamento del motore e produrre gravi danni al motore, quindi deve essere sostituto.

1 Prima di riparare la vostra auto, assicuratevi che si trovi su una superficie piana e che il motore sia freddo. Inserite il freno di stazionamento e il cambio in posizione di parcheggio. Individuate il radiatore di raffreddamento e i componenti del sistema (sotto la cappa). Il termostato è collegato al serbatoio superiore del radiatore, il radiatore è tenuto in posizione dalle staffe del radiatore ed è di solito vicino al serbatoio nella parte del radiatore superiore.

2 Scollegate il negativo terminale della batteria e accertatevi che la chiave di accensione è in posizione spenta, allentate il bullone di fermo del terminale e scollegate il cavo della batteria (durante questa operazione sono suggeriti i guanti). Ogni volta che si eseguono questi tipi di lavori, è meglio staccare la batteria per evitare dei corto circuiti elettrici. Assicuratevi che la batteria sia sempre pulita; se la batteria risulta corrosa, sciacquare tramite un tubo con acqua e cospargete di bicarbonato di sodio per naturalizzare l'acido residuo. Scollegate sempre il cavo negativo della batteria per evitare un corto a terra e non lasciate mai il contatto chiave a lato positivo della batteria.

Continua la lettura

3 Levate i bulloni di montaggio delle staffe.  Dopo aver rimosso il radiatore di riscaldamento dalla punto, controllate l'unità per il montaggio, ovvero, la posizione del foro e degli altri supporti di assemblaggio chiave.  Approfondimento Come sostituire il radiatore della Nissan Micra (clicca qui) Ora siete pronti per installare il nuovo radiatore.

4 Individuate la valvola di scarico del radiatore, giratela in senso antiorario per allentarla. Rimuovete i collegamenti dei tubi inferiori di scarico del radiatore e togliete i collegamenti dei tubi flessibili inferiori. Inquadrate il manicotto superiore del radiatore per togliere le fascette, il tubo flessibile e le viti superiori di fissaggio della ventola di raffreddamento. Dopo che il liquido di raffreddamento si è scaricato completamente, individuate collegamenti dei tubi flessibili inferiori per rimuovere i morsetti.

Come sostituire il radiatore alla Suzuki Celerio Nel variegato panorama delle citycar, la Suzuki Celerio occupa di certo ... continua » Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf Quando si parla di "spurgo" del radiatore, si parla di come ... continua » Come sostituire il radiatore della Citroen Berlingo A valle della stagione invernale, può essere relativamente facile trovarsi nella ... continua » Come sostituire il radiatore della Honda CR-V Se avete acquistato una Honda CR-V vi interesserà sapere come sostituire ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.