Come sostituire la cinghia di distribuzione della Ford Fiesta

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: media

L'auto è considerata il principale mezzo di trasporto utilizzata dall'uomo al tal punto da diventare praticamente essenziale per brevi e lunghi spostamenti. La manutenzione del proprio mezzo a quattro ruote diventa quindi una prassi fondamentale per evitare di incappare in spiacevoli disagi e di restare in panne durante i propri tragitti. Uno dei modelli più comuni tra le auto guidate in Italia è sicuramente la Ford Fiesta. In questa guida vedremo come sostituire la cinghia di distribuzione di quest'auto.

Assicurati di avere a portata di mano: Libretto di uso e manutenzione Cinghia di distribuzione nuova

1 Cambiare la cinghia della Ford Fiesta Innanzitutto bisogna ricordare che è consigliabile cambiare la cinghia della Ford Fiesta ogni 150.000 chilometri affinché non si rischi di incappare in danni dovuti all'usura. Nel momento in cui deciderete di sostituire la cinghia, è comunque preferibile recarsi presso un rivenditore autorizzato che vi indicherà il modello di cinghia esatto per la vostra auto. Tutte le informazioni necessarie utili al rivenditore saranno riportate sul libretto di circolazione del mezzo. Attualmente il prezzo di mercato per questo modello si aggira tra i 150 e i 180 euro.

2 Rimuovere qualsiasi ostacolo Il cambio della cinghia deve essere effettuato a motore spento e con i cavi della batteria scollegati. Individuare la cinghia e rimuovere ogni qualsiasi ostacolo possa complicarvi l'estrazione. Fate ruotare con una mano l'albero motore, allineandolo a quello di distribuzione, e rimuovete il cuscinetto tenditore con la chiave apposita. Rimuovete la cinghia e verificate che tutti gli elementi presenti nel suo scomparto siano collegati e non danneggiati.

Continua la lettura

3 Sostituire la cinghia Adesso potete sostituire la cinghia, inserendo delicatamente quella nuova nello scomparto apposito.  Dopo averla posizionata sul pulegge (la posizione corretta potete consultata sul libretto di manutenzione), rimontate il cuscinetto tenditore.  Approfondimento Come cambiare la cinghia di distribuzione (clicca qui) Ultimata questa operazione la cinghia deve essere "fasata", ossia tesa al punto giusto.  Per farlo dovete rimuovere la vite presente sulla pompa dell’olio ed inserire l’apposita chiave per la fasatura nelle varie pulegge.  Rimossa la vite, ruotate tutte le pulegge presenti.

4 Inserire la chiave per la fasatura Inserite poi la chiave per la fasatura sul pignone dell’albero motore e controllate che l’allineamento delle tacche di fasatura sia corretto. L'ultima operazione da effettuare è il settaggio del tenditore meccanico. Posizionate l'indicatore mobile sul valore massimo e serrate il dado del pignone con la chiave per la fasatura. Ruotate un paio di volte l’albero motore, facendo posizionare in modo corretto la cinghia sulle pulegge. Una volta verificati i riferimenti della fasatura della cinghia, come illustrato sul manuale di uso e manutenzione, serrate nuovamente il dado del pignone del tendicinghia. Ricollegate la batteria e mettete in moto. Siete pronti per effettuare un giro di prova e testarne il perfetto funzionamento. In caso di problemi, smontate la cinghia e ripetete nuovamente tutto il procedimento di sostituzione.

Come cambiare la cinghia di distribuzione sulla Fiat Idea Essere in possesso di un'automobile è certamente una fortuna. Difatti ... continua » Come sostituire la cinghia di distribuzione Ti si è rotta la cinghia di distribuzione dell'auto? Non ... continua » Come cambiare la cinghia di distribuzione della Fiat Panda Se abbiamo una Fiat Panda, come indicato dal libretto di manutenzione ... continua » Come cambiare la cinghia di distribuzione della Citroen C3 Il cambio della cinghia di distribuzione è fondamentale in quanto questo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.