Come sostituire la frizione alla Ford Fiesta

di Anna Carmela Petrosino tramite: O2O difficoltà: media

Amate auto! Ognuna con particolarità differenti che è bene riconoscere prima dell'acquisto, il mezzo diventa parte integrante all'interno di una famiglia, quindi l'attenzione sarà fondamentale per tenerla sempre efficiente e sicura. In questa guida cercheremo di capire come sostituire la frizione alla Ford Fiesta. Di solito la prima cosa che solitamente facciamo qualora capitasse questo, è andare al meccanico di fiducia cercando di capire quale sia l'entità del danno e, soprattutto se ne vale la pena, i costi purtroppo sono sempre troppo elevati e grazie a questa guida, aiuteremo a capire come procedere per la sostituzione.

Assicurati di avere a portata di mano: Attrezzi idonei per il procedimento lavorativo

1 Conoscenza della frizione Parliamo di frizione, meccanismo fondamentale per qualsiasi auto, la sua funzione consiste nel trasferire il moto rotatorio del motore al cambio per passare alla trazione del veicolo. In commercio sono presenti diversi tipi: quello a secco, a bagno d'olio, a centrifuga, inoltre anche quelle automatiche. Consiglio sempre di documentarsi prima di avviarsi a tale manutenzione, procediamo dicendo che può succedere che la frizione si usuri, ciò accade nella maggior parte dei casi a seguito dell'aumento della tensione e dell'allungamento della corsa del pedale, sappiamo che essa si trova nell'estrema sinistra rispetto al freno e acceleratore.

2 L'importanza degli attrezzi Ci sono vari accorgimenti che ci fanno capire il mal funzionamento, un altro segnale che ci avverte del disagio, e nel percorrere salite e ci accorgiamo che le ruote non riescono a fare tutti i giri del motore, di conseguenza l'auto perde di potenza, l'orecchio e percezioni sono importanti dal momento che ci mettiamo alla guida. Prima della sostituzione, assicuriamoci di possedere tutti gli attrezzi necessari, come il cric per sollevare l'auto (meccanismo conosciuto da tutti), una volta sollevata l'auto, dobbiamo premunirci a smontare la ruota anteriore sinistra, proseguire con gli ammortizzatori, togliendo i perni e i vari bulloni dal fusello porta mozzo, qui si sfilerà subito il semiasse sinistro del cambio, con cautela andiamo a smontare il motorino di avviamento, rimuovendo i perni di fissaggio e staccando il cavo positivo della batteria.

Continua la lettura

3 Lo schema del motore Avere lo schema del motore sottomano, ci sarà utile per il rimontaggio, continuare scaricando l'olio del cambio, svitando il tappo e cercando di recuperare l'olio in una bacinella, togliere la valvola d'aria, staccare i cavi di comando della leva del cambio e rimuovere infine il filo della frizione.  Possiamo continuare con affidabilità al procedimento, ma tenere tutto a portata di mano ci renderebbe il tutto più semplice.  Approfondimento Come smontare la frizione dell'auto (clicca qui) Una volta eseguiti tutti i passaggi andremo a scollegare il cambio dal motore, togliendo i dati che collegano la campana ad esso, continuare con il volano disco, procedendo dunque a montare la nuova frizione, insomma la soddisfazione sarà totale, ma farla in seguito controllare da un bravo meccanico professionista, ci sarà utile per avere maggior sicurezza nell'affrontare un nuovo viaggio.

Non dimenticare mai: Far controllare l'auto da un meccanico

Come sostituire la frizione della Toyota Yaris La nostra automobile ha bisogno di manutenzione periodica, se non vogliamo ... continua » Come sostituire il cambio della Ford Fiesta Con il tempo molte cose tendono a logorarsi e lo stesso ... continua » Come sostituire la frizione alla Fiat Idea Se sei in possesso di una Fiat Idea da un po ... continua » Come cambiare la frizione della Fiat Stilo I problemi ed i guasti che possono interessare quotidianamente la propria ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.