Come spurgare il radiatore della Smart

di Donato Cappetta tramite: O2O difficoltà: media

Una delle auto maggiormente vendute è la Smart. Questa macchina presenta tanti pregi: consumi ridotti, basse emissioni, silenziosità e piccole dimensioni, perfetta insomma per muoversi all'interno delle città. Come ogni altra auto, ha però anche delle qualità meno piacevoli, una tra tutte necessita di manutenzione. E proprio in tema di manutenzione, oggi tratteremo del radiatore della smart. All'interno del radiatore circola il liquido refrigerante, che permette al motore di non surriscaldarsi. Con l'usura questo liquido tende a perdere efficienza e bisogna sostituirlo. Per farlo bisogna prima rimuovere il liquido vecchio. Se non sapete come fare non temete, in questa guida ci occuperemo proprio di questo. Oggi infatti vedremo come spurgare il radiatore della smart. Vediamo come fare.

Assicurati di avere a portata di mano: Liquido per radiatore Bacinella vuota

1 Identificare il radiatore e rimuovere il tubo Le operazioni che vengono descritte di seguito sono quelle della versione "For Two", cioè la versione più piccola che ha solo 2 posti. La prima cosa da fare è aprire il cofano della nostra Smart. Il radiatore si trova al suo interno ed è lì che andiamo ad operare. A questo punto dobbiamo staccare il tubo che arriva sino al radiatore e mettere in moto l'automobile. Il tubo deve essere staccato poco prima che accendiamo il riscaldamento. Quest'ultimo, infatti, mette "sotto sforzo" sia il radiatore che il relativo liquido; ora dobbiamo recuperare il liquido in una semplicissima bacinella di plastica. Il contenitore deve essere abbastanza capiente per evitare che il liquido fuoriesce e possiamo sporcarci.

2 Eliminare l'aria Quando abbiamo terminato questa operazione dobbiamo spegnere l'automobile e dobbiamo richiudere il tubo di andata verso il radiatore, quello che abbiamo staccato precedentemente. A questo punto dobbiamo cominciare a fare uscire l'aria che è presente; questa operazione va effettuata aprendo la valvola che si trova proprio in testa al radiatore, poi dobbiamo riempire il circuito con il liquido di raffreddamento.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Eseguire la fase di rabocco Adesso dobbiamo accendere il motore e facciamo la fase di rabocco del liquido stesso; dobbiamo fermarci quando raggiungiamo il massimo livello indicato da una stanghetta posta sul radiatore.  Infine, dobbiamo controllare scrupolosamente la valvola per accertarci che tutto sia a posto; in seguito possiamo chiuderla.  Approfondimento Come spurgare il radiatore della Fiat Stilo (clicca qui) A questo punto spegniamo di nuovo il motore e dobbiamo chiudere il tappo del liquido all'interno del vano motore.  L'operazione dello spurgo del radiatore è terminato; abbiamo impiegato davvero poco tempo ed abbiamo ridato "un po' di respiro" alla nostra automobile.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come spurgare radiatore della Smart Spurgo radiatore smart

Come sostituire il radiatore della Seat Ibiza Se siete alla guida, o in possesso di una Seat Ibiza ... continua » Come sostituire il liquido di raffreddamento della Smart In questo articolo ci occuperemo di motori e, nello specifico vedremo ... continua » Come spurgare il radiatore della Fiat Croma La Fiat Croma, come d'altronde tutte le altre autovetture, ha ... continua » Come spurgare il radiatore della Fiat Punto Evo La guida che andremo a scrivere nei passi che seguiranno, si ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.