Come spurgare il radiatore della Smart

di Giovanni D'Alterio tramite: O2O difficoltà: media

La Smart è una vettura abbastanza piccola ed è di origini tedesche; essa si colloca all'interno del gruppo delle superutilitarie, conosciute anche come citycar. Sono delle vetture di ridotte dimensioni che hanno un ingombro minimo e pertanto sono perfette nel traffico cittadino che, attualmente, opprime molto i conducenti. Il radiatore è uno dei componenti principali di ogni autovettura; infatti, per effetto del liquido che circola in esso (il cosiddetto liquido di raffreddamento) si evita il riscaldamento del motore e quindi non si arrecano danni irreversibili allo stesso. È fondamentale, di tanto in tanto, spurgare il radiatore; questo tutorial ha l'obiettivo di spiegare come farlo quando si è possessori di una Smart.

Assicurati di avere a portata di mano: Liquido per radiatore Bacinella vuota

1 Le operazioni che vengono descritte di seguito sono quelle della versione "For Two", cioè la versione più piccola che ha solo 2 posti. La prima cosa da fare è aprire il cofano della nostra Smart. Il radiatore si trova al suo interno ed è lì che andiamo ad operare. A questo punto dobbiamo staccare il tubo che arriva sino al radiatore e mettere in moto l'automobile. Il tubo deve essere staccato poco prima che accendiamo il riscaldamento. Quest'ultimo, infatti, mette "sotto sforzo" sia il radiatore che il relativo liquido; ora dobbiamo recuperare il liquido in una semplicissima bacinella di plastica. Il contenitore deve essere abbastanza capiente per evitare che il liquido fuoriesce e possiamo sporcarci.

2 Quando abbiamo terminato questa operazione dobbiamo spegnere l'automobile e dobbiamo richiudere il tubo di andata verso il radiatore, quello che abbiamo staccato precedentemente. A questo punto dobbiamo cominciare a fare uscire l'aria che è presente; questa operazione va effettuata aprendo la valvola che si trova proprio in testa al radiatore, poi dobbiamo riempire il circuito con il liquido di raffreddamento.

Continua la lettura

3 Adesso dobbiamo accendere il motore e facciamo la fase di rabocco del liquido stesso; dobbiamo fermarci quando raggiungiamo il massimo livello indicato da una stanghetta posta sul radiatore.  Infine, dobbiamo controllare scrupolosamente la valvola per accertarci che tutto sia a posto; in seguito possiamo chiuderla.  Approfondimento Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf (clicca qui) A questo punto spegniamo di nuovo il motore e dobbiamo chiudere il tappo del liquido all'interno del vano motore.  L'operazione dello spurgo del radiatore è terminato; abbiamo impiegato davvero poco tempo ed abbiamo ridato "un po' di respiro" alla nostra automobile.

Come sostituire il radiatore della Seat Ibiza Se siete alla guida, o in possesso di una Seat Ibiza ... continua » Come spurgare il radiatore della Fiat Croma La Fiat Croma, come d'altronde tutte le altre autovetture, ha ... continua » Come sostituire il liquido di raffreddamento della Smart Sostituire il liquido di raffreddamento della Smart è un procedimento semplice ... continua » Come spurgare il radiatore della Citroen C3 Una delle componenti più utili per non far surriscaldare il motore ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come cambiare un radiatore

Il radiatore dell'automobile, rappresenta la parte raffreddante dell'automobile, costituita da una serie di griglie, con all'interno del liquido refrigerante. Il radiatore è ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.