Come utilizzare correttamente l'aria condizionata dell'automobile

di Gianfranco Mento tramite: O2O difficoltà: media

Con l'arrivo della bella stagione si sente come il bisogno di proteggersi dal caldo, di rinfrescarsi e cercare un po' di refrigerio. Quando entriamo nella nostra automobile, in mancanza di un condizionatore ci sembra quasi di aprire un vero e proprio forno, dal momento che la temperatura interna può salire notevolmente. In questi casi quindi, l'aria condizionata sembra essere la soluzione perfetta, è bene però utilizzarla nella maniera più opportuna. Alcune volte, infatti, l'apparente comfort del condizionatore può rivelarsi davvero dannoso per la salute, se a questo non vengono applicati alcuni importanti accorgimenti.

1 Anzitutto, quando entriamo all'interno di un abitacolo molto caldo, la prima cosa da fare è quella di tenere i finestrini abbassati per qualche minuto, al fine di favorire velocemente il ricambio d'aria. Quando questo sarà fatto, possiamo salire in macchina e partire. Accendiamo il climatizzatore generalmente dopo i primi dieci minuti, per acclimatarci e per permettere alla turbina di funzionare a pieno regime, e regoliamolo ad una temperatura non troppo bassa. Una differenza eccessiva rispetto a quella esterna infatti, oltre ad essere anti-economica, è oltretutto dannosa per la salute. Diverso è per la ventilazione manuale. In questo caso, per favorire rapidamente il raffreddamento dell'abitacolo, possiamo accendere al massimo il ventilatore e la circolazione d'aria interna per un minuto. La temperatura ideale da raggiungere si aggira intorno ai 20-25 gradi centigradi, mentre la differenza con quella esterna non dovrebbe superare i 5-6 gradi.

2 Altro accorgimento: durante il viaggio, specie nelle ore più calde del giorno, l'aria condizionata non deve mai essere accesa in maniera continuativa. Cerchiamo quindi di raggiungere la temperatura ideale, e poi stacchiamo o abbassiamo (non in termini di temperatura, ma di intensità) il climatizzatore. L'orientamento dell'aria ha anch'esso la sua importanza: se portiamo scarpe aperte è meglio evitare di indirizzare il getto d'aria verso i piedi; lo stesso vale per l'addome, in particolar modo se ci mettiamo in viaggio dopo aver mangiato, e anche verso il volto, per evitare contratture nervose e muscolari, oltre a possibili dolori reumatici. Di certo l'aria condizionata aiuta a ridurre gli effetti negativi che il caldo intenso ci procura, fornendo un importante contributo al sistema di termoregolazione del corpo, ma non dobbiamo esagerare.

Continua la lettura

3 Infatti, passare dal caldo ad un fresco repentino genera nell'organismo uno sbalzo di temperatura innaturale.  E poi non dobbiamo mai sottovalutare la regolare pulizia dell'impianto di climatizzazione, in quanto da esso vengono intercettate delle particelle di polvere e microbi che costituiscono un grave pericolo per la salute.  Approfondimento Consigli utili per la pulizia del climatizzatore dell'auto (clicca qui) Facciamo attenzione quindi a farne un uso intelligente quando siamo in automobile; solo così non rischieremo spiacevoli inconvenienti.

Non dimenticare mai: Usare l'aria condizionata con molta prudenza

Come utilizzare i tasti del clima automatico di una peugeot 206 Chi è in possesso di un'autovettura Peugeot 206 sa che ... continua » Come ricaricare l'aria condizionata dell'automobile  Oggi non possiamo più farne a meno e chi detiene un ... continua » Come cambiare il filtro dell'aria condizionata della Toyota Aygo In tutte le auto dotate di climatizzatore è presente un filtro ... continua » Come rinfrescare l'aria in un'auto Tutti noi passiamo molto tempo in automobile, sia per motivi di ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.