Come verificare il fermo amministrativo

di Daniele Squizzato tramite: O2O difficoltà: media

Per definire esattamente il fermo amministrativo occorre appellarsi alla definizione del codice civile, che negli anni è stata aggiornata dalle leggi entrate in vigore negli anni successivi. Nella sostanza il fermo amministrativo è un atto attraverso il quale le amministrazioni competenti bloccano un bene di proprietà del debitore che risulti inscritto in pubblici registri. Alcuni esempi di beni oggetti di questa procedura possono essere le auto o le moto. L’obiettivo di questo fermo è cautelarsi al fine di riscuotere i crediti insoluti. Queste tipologie di crediti possono riferirsi a tributi non pagati o, come ben spesso accade, a sanzioni relative alla violazione del codice della strada, ad esempio multe non pagate. Andiamo quindi a vedere in questa semplice guida come fare per verificare lo stato amministrativo della propria vettura.

1 Innanzitutto è fondamentale sapere che in caso di fermo amministrativo, il veicolo non può essere venduto o ceduto. Infatti sullo stesso veicolo graveranno sia un'impossibilità di compravendita (per cui sono considerati illegali e nulli tutti gli eventuali passaggi di proprietà del veicolo) che il divieto di rottamazione. Tuttavia, per verificare se la nostra autovettura sia o meno sottoposta a fermo amministrativo, e quindi sottomessa ai divieti di cui sopra, occorre seguire una particolare procedura, semplice nell’esecuzione ma un po’ lunga nelle tempistiche. Se quindi non avete molto tempo a dispozione, leggete bene queste breve istruzioni che vi diamo.

2 In primis, occorre recarsi in qualsiasi sportello del PRA (che per chi non lo sapesse acronimo del pubblico registro automobilistico) e richiedere una visura camerale. Verranno richiesti i vostri dati personali e la targa del veicolo. La visura, che si ottiene in tempo reale, non è gratuita, ma a un prezzo accessibile ridotto a qualche unità di euro. In un modo alternativo, potete rivolgervi ad un'agenzia specializzata nell’espletamento di pratiche automobilistiche o ad un semplice sportello Aci. Anche all’interno di questi uffici, dopo aver accuratamente compilato con i propri dati anagrafici e con la targa dell'auto la richiesta, potete ottenere in tempo reale una visura in formato cartaceo. Questa volta, però, il costo aumenta e ammonta intorno ai quindici euro circa.

Continua la lettura

3 Infine, se siete titolari di una carta di credito, potete accedere direttamente al sito web www.aci.it e accedendo al menù a sinistra, cliccate su "Servizi Online".  Nella nuova pagina, in alto a sinistra cliccare su "Visure pra".  Approfondimento Come richiedere una visura al Pra Pubblico Registro Automobilistico (clicca qui) La nuova schermata aperta recherà nella parte alta la descrizione del servizio ed enumererà le carte di credito accettate per il relativo pagamento, mentre nella parte bassa mostrerà la forma per l'inserimento dei dati.  Una volta che li avrete forniti, quindi, alla fine del procedimento potrete stampare la documentazione relativa allo stato amministrativo del vostro veicolo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.aci.it/

Auto usate: 5 cose da controllare Al giorno d'oggi la concorrenza nel mercato delle automobili è ... continua » Come sapere se un'automobile ha pendenze Comprare un'automobile in questo periodo non è proprio semplice, bisogna ... continua » Come demolire un caravan Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo mezzi di trasporto ... continua » Come spostare un'automobile senza assicurazione A volte può succedere che si deve spostare un'automobile sprovvista ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.