Demolizione moto: modalità

di Nicolò Tricarico tramite: O2O difficoltà: facile

Se la nostra automobile o la nostra moto è diventata molto vecchia e non vale più la pena continuare a ripararla, ma vogliamo acquistarne una nuova, dovremo per prima cosa demolire il nostro vecchio mezzo di trasporto. Per riuscirci dovremo semplicemente seguire delle indicazioni che potremo trovare in varie guide presenti su internet, effettuando una semplice ricerca su un qualsiasi motore di ricerca. In questo modo, anche se non abbiamo mai eseguito prima d'ora questo genere di operazioni, non dovremo potremo molto facilmente capire tutti i passaggi che dovremo eseguire. Nei passi successivi, in particolare, vedremo quali sono le modalità da seguire per poter effettuare correttamente la demolizione di una moto.

Assicurati di avere a portata di mano: Moto da demolire

1 Iter Burocratico Per prima cosa è importante ricordare che esiste una nuova normativa europea che ha ridotto notevolmente le operazioni "burocratiche" ed i relativi costi per quando concerne la demolizione di un veicolo a motore. L’unica spesa attualmente in essere riguarda la cancellazione al PRA (Pubblico Registro automobilistico) mentre, per quanto riguarda tutta la parte “burocratica” dell'operazione, sarà interamente a carico del Centro di rottamazione.

2 Documenti necessari Una volta identificato chi si occuperà della rottamazione della moto dovremo recarci presso il Centro portando con noi la targa della moto, il libretto di circolazione del veicolo ed il certificato di proprietà; il trasporto del mezzo sarà a cura del Centro. Tutti i documenti sopraelencati andranno consegnati prima della demolizione e, successivamente al ritiro del mezzo, ci verrà rilasciato un “certificato di demolizione” che conterrà l’anagrafica del proprietario, i dati identificativi del mezzo e quelli relativi al centro di demolizione che, è sempre meglio ricordarlo, dovrà essere autorizzato dal Ministero dei Trasporti. Il demolitore si impegnerà, inoltre, ad operare la cancellazione del veicolo dalla banca dati del PRA.

Continua la lettura

3 Certificato di demolizione Una volta completate le procedure di demolizione sarà opportuno conservare il “certificato di demolizione” in un luogo sicuro, poiché questa documentazione servirà a dimostrare l’avvenuta demolizione del mezzo; il proprietario verrà così liberato da qualsiasi responsabilità, sia civile che penale posteriore alla data dell'avvenuta demolizione, come ad esempio il mancato pagamento del bollo di circolazione, eventuali infrazioni stradali, responsabilità civile o altro.  A questo punto non ci resta che provare subito ad eseguire la demolizione della nostra moto, seguendo tutte le indicazioni riportate in precedenza.

Non dimenticare mai: Conservare i documenti relativi alla demolizione nel tempo senza aver fretta di buttarli

Come demolire un caravan Durante la vita di tutti i giorni utilizziamo mezzi di trasporto ... continua » Come rottamare una moto Rottamare una moto è una decisione da prendere quando si è ... continua » Come demolire un'auto, tutte le info Anche se la nostra automobile è il mezzo che utilizziamo molto ... continua » Demolizione caravan e roulotte Le roulotte e i caravan se si devono demolire seguono lo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come reimmatricolare una moto

Capita spesso di imbattersi in vendite di moto prive di documenti, radiate, demolite, oppure prive di numero di targa. Prima di lasciarsi invadere dall'entusiasmo ... continua »

Come cambiare batteria di un trattore

Le attrezzature motorizzate, proprio come i trattori, hanno spesso un sistema di avviamento elettrico. Questo sistema utilizza l'energia elettrica immagazzinata nella batteria per accendere ... continua »

Gita in moto: come vestirsi

Durante il periodo estivo o nelle giornate particolarmente calde, l'andare in moto è un qualcosa di bello e divertente. Tuttavia, se intendete organizzare una ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.