Manutenzione: Come riparare gli ammortizzatori della moto

di Concetta Piccirillo tramite: O2O difficoltà: difficile

Se la tua moto presenta gli ammortizzatori molto rumorosi e per nulla funzionali, puoi intervenire con le tecniche del fai da te per riparali. Si tratta di un lavoro di manutenzione non difficile, ma che richiede un minimo di accortezza e di precisione atte entrambe a garantire la tua incolumità su strada. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida troverai le istruzioni dettagliate su come procedere per riparare gli ammortizzatori della moto.

Assicurati di avere a portata di mano: Paraolio, olio chiavi a bussola, cacciavite, morsa

1 Smontare la ruota Inizia a smontare la ruota, estraendo il suo asse dalla forcella. Smonta il faro o la tabella porta numero, a seconda se la tua è una moto da enduro o da cross. Allenta il tappo dello stelo danneggiato, quindi smonta quest’ultimo. Metti due pezzi di tavola nella morsa e stringi leggermente lo stelo. Svita del tutto il tappo dello stelo. Svita il tappo dalla sua asta, ed estrai la molla. Adesso puoi scaricare l’olio in un contenitore, capovolgendo lo stelo. Con un cacciavite, allontana il para-polvere dal gambo dello stelo; con una pinza a becco stretto, togli il fermo del paraolio.

2 Estrarre il cilindro Con una mano reggi il gambo, mentre con l’altra estrai il cilindro interno insieme al paraolio; dopo aver tolto l’anello raschia-olio, estrai il paraolio dal tubo. Metti un po’ di olio sul nuovo paraolio, e metti quest’ultimo sullo stelo interno. Rimonta l’anello raschia-olio e inserisci il tubo nel gambo. Spingi il paraolio nel gambo e, con l’aiuto di una fascetta metallica e di un martelletto fai in modo che aderisca bene nella sua sede. Rimetti il fermo del paraolio e il para-polvere. Rimetti lo stelo nella morsa e versa un po’ di olio nuovo nello stelo; muovi l’asta in modo da far uscire l’aria. Ripeti quest’operazione fino a quando avrai versato la giusta quantità di olio. Metti la molla e stringi il tappo sull’asta. Avvita il tappo sullo stelo, senza stringerlo. Infila lo stelo nelle piastre della forcella e stringi i perni della piastra inferiore.

Continua la lettura

3 Montare di nuovo la ruota Stringi adesso il tappo e poi i perni della piastra superiore della forcella.  Monta la ruota facendo attenzione all’inserimento del disco del freno nella pinza.  Approfondimento Come sostituire gli ammortizzatori Alfa 147 (clicca qui) Inserisci l’asse della ruota e stringi il dado.  Monta il faro o la tabella porta-numero.  Come puoi notare, riparare gli ammortizzatori di una moto non è un'operazione molto difficile e seguendo le linee guida sin qui descritte, potrai svolgere il lavoro al meglio, senza necessariamente recarti da un esperto del settore e non incorrere in nessun problema, tale da farti pentire nell'aver scelto la tecnica del fai da te.

Non dimenticare mai: Pulisci accuratamente lo stelo della forcella.

Come cambiare la forcella della F 650 CS Scarver Come voi lettori e lettrici ben saprete, la forcella di una ... continua » Manutenzione: Come riparare le sospensioni della moto Che cosa sono le sospensioni di una moto? Si tratta di ... continua » Manutenzione: Come riparare le Guarnizioni dello Stelo Valvola Sostituire le guarnizioni dello stelo valvola è un’operazione impegnativa richiede ... continua » Manutenzione: Come riparare il Tachimetro Il tachimetro è collegato al rinvio collocato all'uscita del cambio ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.