Manutenzione: come riparare il radiatore della moto

di Giovanni Lamporesi tramite: O2O difficoltà: media

Probabilmente di recente ti sei trovato una chiazza di liquido sotto la tua moto. Senza sapere da quale parte stesse perdendo, hai ispezionato bene il tuo veicolo e ti sei reso conto che quello che sta colando è il liquido refrigerante del radiatore. Pronto soccorso manutenzione: come riparare il radiatore della moto? Non disperare, la soluzione c'è e non è così impossibile. Puoi provare a risolvere da solo questo problema e nel caso in cui avessi paura di non riuscirci o se vedessi che il danno è troppo grande, puoi sempre rivolgerti ad un professionista!

1 Per prima cosa devi cercare di capire l'entità del danno. Devi sforzarti di ricordare se il radiatore della moto ha subito qualche colpo, anche se di lieve entità. Se il liquido refrigerante cola goccia a goccia, probabilmente ci sarà un forellino (o anche due) che potrebbe essere causato dall'ossidazione (è un problema abbastanza frequente). Non è detto che sia da cambiare il radiatore.

2 La riparazione può essere fatta con una speciale pasta bicomponente. Con questa di riesce a creare una sorta di saldatura a freddo, da applicare sul foro del radiatore. Questa pasta riesce praticamente a ricoprire il foro garantendo contemporaneamente un'ottima tenuta. La soluzione non è definitiva, ma sicuramente può durare per molto tempo. Troverai molte marche di questa pasta e anche tanti consigli online su come applicarla al meglio. Non ci vuole comunque un esperto, basta non esagerare mettendone troppa, pulire bene la parte e non usarle nel caso in cui il foro sia troppo grande, perché altrimenti potrebbe esserci bisogno di un altro tipo di intervento.

Continua la lettura

3 C'è un'altra soluzione che veniva utilizzata in passato per questo tipo di riparazioni e che è valida anche oggi.  Si chiama "turafalle" ed è un liquido che si mette nel circuito del radiatore.  Approfondimento Manutenzione: Come riparare il radiatore (clicca qui) Entrando in circolo va a tappare gli eventuali problemi (o "falle" appunto).  C'è però la probabilità di subire delle conseguenze: questo turafalle può infatti creare delle ostruzioni all'impianto, quindi bisogna usarlo con attenzione.

4 L'ultima opzione è la più sicura. Puoi smontare il radiatore, pulirlo e poi portarlo a un radiatorista. Sicuramente non fa parte del fai da te, ma è la cosa più intelligente che ti posso consigliare. Trovare un professionista che ha un saldatore e che ti possa garantire un lavoro fatto ad opera d'arte è il miglior modo per far durare molto più a lungo il radiatore della tua moto. Ovviamente questa che può essere considerata un'alternativa per i piccoli fori, diventa l'unica possibilità nel caso in cui il danno sia maggiore. Sempre che non ci sia proprio da acquistare un nuovo radiatore! Ma questo te lo confermerà, eventualmente, il radiatorista stesso.

Manutenzione: Come riparare il Liquido Di Raffreddamento della moto Attraverso i passaggi seguenti ci occuperemo di spiegarvi come si deve ... continua » Manutenzione: come riparare il liquido di raffreddamento dell'auto Il raffreddamento del motore delle auto avviene tramite delle serpentine contenenti ... continua » Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf Quando si parla di "spurgo" del radiatore, si parla di come ... continua » Manutenzione: come riparare il Radiatore dell'auto Chi di noi non possiede un 'auto, mezzo di totale utilità ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come cambiare il radiatore

Le automobili rappresentano il mezzo di trasporto maggiormente utilizzato. In virtù di ciò, il mercato delle auto è in continua espansione. In ogni strada e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.