Manutenzione: Come riparare le gomme della moto

di Cockie D. tramite: O2O difficoltà: media

Chi ama viaggiare è consapevole dell'importanza della manutenzione generale della moto, come il cambio dell'olio, il corretto funzionamento degli indicatori di direzione dei fari e dello stop dei freni e soprattutto le gomme che fanno da intermezzo tra di noi e l'asfalto. Queste possono essere sostituite quando il tassello del battistrada, è al limite dell'usura, ma anche quando la mescola della gomma, presenta delle tracce di screpolature. È probabile infatti, incappare in forature improvvise e fastidiose da riparare e in questa guida, andiamo a analizzare come porre rimedio a questo inconveniente.

1 Collochiamo la moto sul cavalletto, smontiamo la ruota e con le apposite leve liberiamo il copertone dal cerchio ed estraiamo la camera d’aria. Possiamo trovare il foro con il classico sistema della bacinella d’acqua:, gonfiando leggermente la camera e facendolo passare lentamente dentro l'acqua. Quando vediamo apparire le bollicine, si trova il foro. Puliamo con la carta vetrata e applichiamo del mastice e una pezza, rimontiamo il tutto seguendo la procedura inversa a quella di smontaggio, gonfiamo la gomma; questo è un metodo lungo e macchinoso.

2 Esistono altre soluzioni, molto più rapide, sicure ed efficaci, trattasi del kit di riparazione delle forature, molto semplici da attuare. Alcuni sono dotati di due bombolette, una per riparare e l’altra per gonfiare, altri invece da una sola, contenente una schiuma che ripara la camera d’aria gonfiando la gomma. Altri, invece contengono un piccolo compressore che, collegato alla batteria della moto, permette il gonfiaggio del copertone. Per tutti questi kit di gonfiaggio, è sufficiente raccordare il tubicino alla valvola e lasciare che il prodotto faccia il suo dovere; è importante, però, leggere bene le istruzioni, perché ogni prodotto ha un utilizzo differente ed in commercio ce ne sono tanti e dobbiamo essere consapevoli, che si tratta di riparazioni momentanee, atte a permetterci di fare qualche chilometro, quindi quando troviamo un gommista, facciamo il cambio della gomma danneggiata. La bomboletta è molto comoda e si può tenere ovunque, garantendo un viaggio in sicurezza e privo di sgradevoli sorprese.

Continua la lettura

3 Vengono pubblicizzati soprattutto su internet, alcuni prodotti eccezionali, che nonostante la gettata di schiuma nella gomma, ci garantiscono la durata del battistrada, senza eseguire dal gommista la sostituzione.  Non fidiamoci e ripariamola appena possibile, nessun componente chimico, al momento permette la giusta sicurezza all'interno della gomma.  Approfondimento Manutenzione: come riparare le gomme dell'auto (clicca qui) L’importante è considerare che la riparazione con le bombolette è si velocissima ed efficace, ma non definitiva.  Buon viaggio!. 

Come cambiare le gomme della moto Arriva sempre il momento in cui siamo costretti o intenzionati a ... continua » Manutenzione: Come riparare la ruota di una moto La moto è una passione che ogni uomo coltiva fin da ... continua » Manutenzione: come riparare un pneumatico Purtroppo può capitare a tutti di forare una gomma, specialmente se ... continua » Manutenzione: come riparare la marmitta della moto Per gli amanti delle moto è sempre un problema quando si ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come preparare il veicolo ai viaggi

Viaggiare in auto rappresenta, sicuramente, il modo migliore per godere della propria libertà e per svagarsi. Prima di affrontare lunghi percorsi è necessario assicurarsi che ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.