Manutenzione: la marmitta

di Valeria Portacci tramite: O2O difficoltà: media

Tutti sanno che la manutenzione dell'auto è importante per il funzionamento del mezzo stesso, nonchè per ridurre l'inquinamento e i consumi. Purtroppo, però, può rivelarsi piuttosto costosa, soprattutto se effettuata di frequente.
Uno dei componenti di cui è possibile occuparsi anche da soli è la marmitta: in questa guida vi illustreremo come occuparvi della sua manutenzione.

1 Prevenire la corrosione La prevenzione permette senza dubbio di evitare situazioni spiacevoli e di minimizzare gli interventi di specialisti. Un fattore da cui bisogna proteggere la marmitta è l'umidità.
In primo luogo, è bene tenere la vostra auto o moto in garage, soprattutto durante l'inverno, e non lasciare il motore spento per lunghi periodi. Un'altra soluzione è quella di chiudere il tubo di scarico ad esempio con un canovaccio vecchio, in modo da impedire all'umidità di penetrare e a lungo andare provocarne la corrosione. Oppure, se sapete usare il trapano, potete praticare uno o due forellini in basso, in modo che le gocce di condensa fuoriescano senza accumularsi all'interno.
È possibile anche inserire dei filtri specifici che assorbono l'umidità.

2 Pulirla Per pulire la marmitta il primo passo da fare è smontarla.
Se lo sporco non è eccessivo, è sufficiente utilizzare un detergente per la pulizia della casa oppure il petrolio bianco, da acquistare in officina.
Se, invece, è necessario intervenire più drasticamente, bisogna prima di tutto riscaldare la marmitta. Attenzione a questo punto: se la marmitta è in alluminio, riscaldarla sul fuoco ma senza esagerare, in quanto potrebbe rovinarsi irrimediabilmente; se è invece in acciaio, la si può riporre in forno per qualche minuto. Dopo ciò, picchiettare delicatamente sulla marmitta, in modo che lo sporco superficiale si stacchi, quindi riempirla di acqua e pietroline abrasive o un po' di sgrassatore, tenetela chiusa da entrambi i lati e scuotetela. Potete ripetere l'operazione più volte, in base al grado di sporcizia della marmitta. Alla fine, comunque, asciugatela bene e rimontatela.

Continua la lettura

3 Lucidarla La lucidatura, oltre a dare un aspetto più nuovo e pulito alla marmitta, ne consente anche una maggiore protezione.  Per effettuarla, rimuovete la fuliggine dal silenziatore con un panno asciutto, quindi sciacquate lo straccio o utilizzatene un altro, da intingere in acqua e sapone per i piatti, e detergete la parte esterna della marmitta Approfondimento Come lucidare la marmitta (clicca qui) A questo punto, è importante asciugarla bene e applicare alluminio lucido o cromo lucido (dipende da che materiale è fatta la vostra marmitta) e dello smalto, con un panno asciutto e morbido finché non diverrà lucente.

Come fare durare più a lungo una marmitta Uno degli elementi più importanti di un veicolo a due o ... continua » Manutenzione: come riparare la marmitta della moto Per gli amanti delle moto è sempre un problema quando si ... continua » Come Pulire la Marmitta della moto In una motocicletta, così anche come in un'automobile, la marmitta ... continua » Come omologare una marmitta auto Una buona manutenzione è fondamentale per avere un'auto sempre in ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come saldare una marmitta auto

Le automobili necessitano di una manutenzione regolare, per avere il massimo delle prestazioni. Purtroppo quando si tratta di sostituire o acquistare un pezzo di ricambio ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.