Moto: sostituire il liquido refrigerante

di M. R. tramite: O2O difficoltà: media

Cerchiamo di vedere insieme, come poter eseguire delle manutenzioni per la moto, nello specifico cercheremo di capire come sostituire il liquido refrigerante! Il liquido refrigerante è un elemento essenziale per garantire le prestazioni e la sicurezza della vostra moto: infatti oltre a impedire che il motore si congeli, eleva la temperatura di ebollizione e funge da anticorrosivo. Andrebbe infatti sostituito ogni 2 anni, in quanto col tempo e l’uso perde fluditá e si riempie di incrostazioni. Si tratta comunque di una manutenzione di routine che potete effettuare da soli, giacché l’unica difficoltá potrebbe consistere nell’accedere al serbatoio, ma l’operazione di per sé non richiede esperienza in meccanica. Mettiamo subito all'opera!

Assicurati di avere a portata di mano: liquido refrigerante imbuto un panno morbido tanica utensili

1 Innanzitutto specifichiamo che la sostituzione del liquido di raffreddamento nelle moto si esegue a motore freddo. Per raggiungere il tappo del radiatore e la pompa dell’acqua occorre rimuovere i pannelli della carenatura. Svitate il tappo del radiatore ed il tappo di scarico della pompa dell'acqua (solitamente protetto da un carter). Se temete di comprometterne la filettatura potete anche sfilare il tubo e scaricare l'acqua contenuta, avendo la precauzione di infilarvi sotto una tanica (è piuttosto viscoso). Per drenare tutto il liquido dovrete poi svuotate il serbatoio di riserva o vaschetta d’espansione, solitamente alloggiato sotto il sedile, staccando il tubo di gomma che lo collega al radiatore.

2 Alla fine asciugate bene le parti del motore bagnatesi con un panno morbido. Ora possiamo passare alla fase di riempimento: dopo aver ricollegato le tubature potreste optare per un liquido giá pronto oppure miscelare nella proporzione 1:1 refrigerante ed acqua distillata. Immettete il nuovo antigelo nel radiatore, inclinando la moto sul cavalletto laterale, riempite bene fino alla tacca di pieno (F) e chiudete il tappo sul radiatore. Avviate il motore e fatelo girare 2 o 3 minuti, per consentire al liquido di andare in cicolo ed all’ aria presente nell’impianto di sfiatare.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Verificate eventuali perdite di liquido.  Sicuramente il livello del refrigerante sará sceso e potrete procedere con un ulteriore rabbocco.  Approfondimento Come cambiare il liquido refrigerante della Citroen C2 (clicca qui) Ora richiudete anche il tappo di riempimento liquido ed aggiungete il refrigerante anche nella vaschetta di espansione, rimontate le carene e fatevi un bel giro di prova, controllando le temperature.  Raccomando di utilizzate un liquido antigelo di buona qualitá al glicole etilenico, miscelato con acqua distillata.  Il titolo “50/50″ si riferisce al fatto che è giá premiscelato con acqua.  Ed ecco che mediante questo articolo anche noi saremo in grado di eseguire sulla nostra moto, la sostituzione del liquido refrigerante!. 

Non dimenticare mai: Sostituire il liquido refrigerante, con il metodo del fai da te, è molto semplice! Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.sportlive.it/motori/guide-auto-moto/come-sostituire-il-liquido-del-radiatore.html

Come cambiare il liquido refrigerante della Citroen C4 Come cambiare il liquido refrigerante della Alfa MiTo Come sostituire il liquido refrigerante del radiatore ad un automobile Come spurgare il radiatore della Volksvagen Golf

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.
Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli