Patente: i segnali di precedenza

di C. J. tramite: O2O difficoltà: media

Chi sta per conseguire la patente di guida, o chi già l'ha conseguita, lo sa bene quanto sia importante la conoscenza dei segnali stradali. Saperli riconoscere e interpretare il senso è fondamentale per la propria sicurezza e per quella di tutti gli altri. Per questo motivo bisogna concentrare la propria attenzione su ogni categoria di segnali (ne esistono, infatti, differenti). Tra queste, sono importantissime quelle che riguardano i segnali di precedenza. Come dice il nome stesso regolano le precedenze durante la circolazione su strada. In questa guida daremo una rapida occhiata a quelli che sono i segnali di precedenza più usati e diffusi in Italia, accompagnandoli con delle brevi descrizioni sulla loro forma e sul loro significato.

1 I segnali di precedenza hanno, generalmente, forma triangolare, tranne alcune eccezioni che andremo a vedere tra poco. Il segnale principale, ovvero quello di "dare la precedenza" è un segnale a forma di triangolo rovesciato. Lo sfondo è interamente bianco, mentre il bordo è rosso. Se lo incontriamo sulla strada che stiamo percorrendo ci indica che a breve incroceremo una strada, e che dobbiamo dare la precedenza ai veicoli che transitano su di essa.

2 Un segnale di precedenza che, però, non ha forma triangolare, è quello di "stop". Di forma esagonale, ha colorazione rossa, con scrittura in bianco. Indica l'obbligo assoluto di fermarsi all'incrocio in corrispondenza del quale è posto. Un segnale triangolare con un "X" al centro (di colore nero) indica, invece, un'intersezione con precedenza a destra. Percorrendo una strada in cui ad un certo punto si ha una strettoia e bisogna dare la precedenza ai veicoli che provengono in senso opposto, si ha un segnale di forma circolare, con bordo rosso e al cui interno vi sono due frecce (una rossa con la punta verso l'alto e una nera con la punta verso il basso).

Continua la lettura

3 Il segnale di diritto di precedenza (chi percorre quella strada gode della precedenza sugli altri veicoli) ha la forma di un rombo, con sfondo giallo e bordo bianco.  La fine di tale "diritto" è rappresentata dallo stesso segnale barrato di nero.  Approfondimento Patente: i segnali di divieto (clicca qui) Gli ultimi segnali di precedenza riguardano confluenze e intersezioni.  L'intersezione con diritto di precedenza è rappresentata da una freccia, all'interno di un triangolo, che si rivela più "spessa" e in cui convergono due linee (una da destra e una da sinistra).  L'intersezione "a T" con immissione da destra con diritto di precedenza vede la convergenza, nella medesima tipologia di segnale, di una linea da destra.

4 Come avete potuto constatare, di segnali stradali ne esistono in quantità enorme. Purtroppo conoscerli tutti non sempre è possibile, molto spesso ce ne scordiamo, altre volte ne vengono aggiunti o tolti degli altri, in base alle esigenze del codice della strada. È buona norma quindi tenersi aggiornati, oppure andare a ripassare quelli vecchi che si sono scordati.

Patente: i segnali di obbligo Se stai seguendo il corso di scuola guida, uno dei primi ... continua » 10 consigli per migliorare la sicurezza stradale Ogni anno si registrano un alto numero di vittime legato agli ... continua » Patente: norme di precedenza Prendere la patente ed imparare a guidare non è un gioco ... continua » La classificazione della segnaletica stradale La Segnaletica stradale, è un vero e proprio linguaggio dei segni ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I principali segnali orizzontali

La segnaletica orizzontale ricopre l'ultimo posto nella gerarchia delle segnalazioni, dopo quella manuale dell'addetto al traffico, quella luminosa (es. Semaforo) e quella verticale ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.