Scooter: come montare un cilindro

di Matteo So tramite: O2O difficoltà: media

Saper maneggiare un motore ha sempre rappresentato un grosso vantaggio, sia per riuscire a risparmiare qualche soldo, sia per propria soddisfazione personale. Oltre che un mestiere, quella di avere a che fare con i motori è infatti una vera e propria passione. In questa guida vedremo come montare un cilindro allo scooter e le giuste precauzioni da prendere per evitare spiacevoli danni al nostro amatissimo veicolo.

1 Prima di tutto vediamo la procedura inversa, cioè come smontare il cilindro, che ci permetterà di andare successivamente a montare la parte interessata. Qualora il motore abbia un sistema di raffreddamento sviluppato ad acqua, la prima cosa da fare è quella di eliminare il liquido dal sistema del circuito. Iniziamo a svitare i dadi o le viti della testata, e ricordate che se questi fossero troppo serrati dovremo provare a spruzzare olio a spray. Agiamo molto lentamente, e una volta liberato il componente, sfiliamolo assieme al cilindro. A questo punto non ci resta che togliere la guarnizione che si trova alla base.

2 Siamo arrivati al punto in cui va smontato il pistone. Molto importante è ricordarsi di tappare il suo imbocco, per evitare che i fermi vi possano cadere dentro. Possiamo toglierli con l'aiuto di pinzette a beccuccio, e una volta rimossi andrà esercitata una certa pressione su di essi per farli uscire. Qualora il pistone fosse bloccato, possiamo provare a oliarlo con altro olio spray, e se nemmeno così l'operazione andasse a buon fine, non ci resta altro da fare che chiedere l'aiuto diretto del nostro meccanico di fiducia.

Continua la lettura

3 Prima di montare il nuovo pistone, verifichiamo che la biella non sia danneggiata in alcun punto né che siano presenti segni di consumo.  È anche molto importante controllare che questa sia dritta, e non piegata.  Approfondimento Come cambiare il gruppo termico del motorino (clicca qui) Accertati che sia tutto a norma, procediamo al montaggio prendendo lo spinotto e la gabbietta.  Adesso possiamo oliare le parti d'attrito, e inseriamo insieme i due componenti.  Per verificare la fluidità di movimento, dobbiamo fare ruotare i componenti.  Qualora si avvertisse dei punti di troppo attrito, sarà necessario ripetere l'operazione poiché la gabbia potrebbe essere troppo stretta, causando possibili danni al motore.

4 Nel caso in cui il tutto si sia svolto senza problemi di sorta, rimontiamo il fermo in posizione estrema rispetto allo scarico. Prendiamo allora il cilindro e infiliamolo tra i dadi (o altrimenti detti "prigionieri"), portandolo a congiungersi al pistone. Le sue fasce devono coincidere con i fermi delle cave, e solo dopo potremo rimontare la testa. Si consiglia di non forzare il pistone qualora questo non si inserisse nel cilindro, poiché i diversi componenti dovrebbero essere sempre inseriti a norma per garantire un buon funzionamento del veicolo. Se invece non siamo sicuri del rimontaggio e non ci tornasse qualche passaggio di montaggio, sarà necessario ancora una volta rivolgersi al nostro meccanico.

Non dimenticare mai: Non cercate di forzare l'assemblaggio dei diversi componenti.

Come montare un gruppo termico su moto o motorino In alcune occasioni si vorrebbe avere a disposizione una moto o ... continua » Come smontare l'albero motore dello scooter 50 2 tempi Smontare un albero motore è probabilmente una delle cose più difficili ... continua » Come funziona il motore termico a 2 tempi Con il termine di motore termico si intende quel sistema di ... continua » Come si verifica l'efficienza delle sospensioni della propria auto Aderenza al manto stradale, sicurezza in frenata, tenuta dell'assetto in ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.